Irlanda del Nord-Italia, Bonucci: "Ritrovare lo spirito dell'Europeo. Non sarò rigorista"

italia

Il difensore azzurro carica il gruppo in vista della decisiva sfida di Belfast: "Abbiamo vinto l'Europeo perchè avevamo qualcosa di diverso. Nessuno ci toglierà quella pagina indelebile di storia, ma ora ritroviamo quello spirito e tiriamolo fuori all'ennesima potenza. Faremo una grande gara". E sul ruolo da rigorista: "Tutto rimane come prima, nel caso decideremo quando sarà il momento"

IRLANDA DEL NORD-ITALIA LIVE

L'Italia si appresta ad affrontare una delle partite più importanti della sua storia recente. Gli azzurri sul campo dell'Irlanda del Nord si giocano la qualificazione ai prossimi Mondiali. Vincere a Belfast e mantenere il vantaggio attuale di due gol nella differenza reti rispetto alla Svizzera, questi gli obiettivi che la squadra di Mancini deve raggiungere per non dover passare attraverso gli spareggi. Alla vigilia del match ha parlato in conferenza stampa anche Leonardo Bonucci: "Dovrà essere la nostra partita, non soltanto la mia. Dobbiamo tirare fuori le qualità che abbiamo sempre dimostrato di avere nei momenti di difficoltà. Credo che domani la squadra farà una grande gara, perché la vogliamo tutti. Io dovrò solo essere me stesso come sempre, vogliamo portare a casa un risultato importante. Quello che siamo stati lo siamo stati perché dentro di noi, nel gruppo, avevamo qualcosa di diverso. Non so se dopo la vittoria dell'Europeo questo spirito si è andato un po' a perdere inconsciamente ma domani sera dobbiamo un po' ritrovarlo e quella pagina di storia rimane lì, scritta indelebile, ma ora dobbiamo ritrovare equilibrio e spensieratezza, la voglia di sacrificarci l'uno con l'altro, e domani dovrà venire fuori all'ennesima potenza".

"Non sarò il rigorista. Decideremo quando sarà il momento"

leggi anche

Mancini: "Evitiamo ansie e giochiamo per vincere"

Il difensore azzurro fa chiarezza anche sul ruolo del rigorista, dopo l'errore dal dischetto di Jorginho nell'ultima gara contro la Svizzera: "Sono stato il primo a consolare Jorginho perché mi sono trovato lì, ero lì per abbracciarlo e quello era il mio pensiero primario. C'è stato l'errore e abbiamo solo pensato ad andare avanti. Lui ha tirato tantissimi rigori, anche molto importanti, è stato un errore che può capitare a chiunque e non sarò io il rigorista domani sera. Tutto rimane come prima, vedremo e decideremo poi quando sarà il caso".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche