Croazia-Spagna, Sergio Ramos: "Le critiche non mi toccano. Lovren? C'è gente frustrata"

Nations League

Intervenuto in conferenza stampa in vista del match tra Spagna e Croazia, Sergio Ramos ha parlato anche dei fischi del Bernabeu e delle critiche di Lovren, liquidate con una frase chiarissima: "Esiste tanta gente che per frustrazione ti contesta, ma non è una cosa che mi tocca"

INGHILTERRA-CROAZIA LIVE

CONVOCAZIONE SOCIAL, LUIS ENRIQUE CHIAMA SUSO

I fischi del Bernabeu e la piccata risposta a Lovren, oltre all’analisi del match di Nations League da giocare contro la Croazia. Questi i temi principali della conferenza stampa di Sergio Ramos dal ritiro della Spagna, nel corso della quale il difensore del Real Madrid non ha avuto problemi a togliersi qualche sassolino dalla scarpa: "La contestazione dei tifosi madridisti? Non si è trattato di fischi ingiusti, il Bernabéu fa così quando è convinto che un giocatore può dare di più. Al Madrid hanno fischiato tutti, anche grandi leggende, un comportamento tenuto per spronare i propri idoli a giocare meglio. Sono 14 stagioni che sono qui e mi hanno fischiato una volta, direi che mi è andata bene. Ovviamente sarebbe bello avere sempre il tifo dalla propria parte, ma l'unico modo per evitare i fischi è giocare al massimo. Io da capitano mi assumo tutte le mie responsabilità, così voglio che facciano anche gli altri".

L'attacco a Lovren

Sergio Ramos non le ha mandate a dire poi a Dejan Lovren, difensore croato che aveva etichettato lo spagnolo come un calciatore alquanto ‘fortunato’ in carriera: "Esiste tanta gente che per frustrazione ti contesta, ma non è un comportamento che mi compete. Il tempo alla fine mette tutti d’accordo. L’unica cosa che mi viene da dire è che sarebbe opportuno che si costruissero una loro reputazione e un loro nome senza dover parlare di me, ma noto come non ci riescono. Ognuno ha la sua opinione ma tutti gli allenatori che ho avuto hanno sempre speso buone parole per me e mi fa piacere, sono sempre quello che si sporca nel fango per primo e che dà tutto, gli altri poi possono dire quello che vogliono".

La difesa di Modric

Infine, il difensore spagnolo non ha avuto remore a prendere le difese di Modric, suo compagno di squadra al Real ma avversario in Nations League: "Tutti hanno la memoria corta, purtroppo nel calcio il passato conta poco e bisogna sempre dimostrare qualcosa. E’ difficile da accettare, ma è questa la crudeltà di questo sport". Lo stesso Modric a sua volta ha parlato di Ramos in conferenza stampa, esprimendo il proprio punto di vista: "E' un grande giocatore e un grande capitano. Le critiche per lui non hanno alcuna importanza, non dà peso a ciò che viene detto su di lui. Ha un grande carattere".

I più letti di calcio