Italia-Belgio, Mancini: "Jorginho merita il Pallone d'Oro. Intrapresa buona strada"

Nations League
©Getty
mancini conferenza

Il ct della Nazionale ha parlato nella conferenza della vigilia della finale per il terzo e quarto posto: "Dobbiamo vincere per consolidare il nostro posto nel ranking". Qualche cambio in vista nella formazione: "Importante dare spazio a chi ha giocato meno perché i titolari possono mancare". E sul Pallone d'Oro: "Lo merita Jorginho perché ha vinto tutto. Sarebbe strano se non glielo dessero..."

PALLONE D'ORO 2021, LA PREMIAZIONE LIVE

Nella conferenza stampa della vigilia di Italia-Belgio, partita valevole per la finale per il terzo e quarto posto di Nations League, il ct Mancini ha presentato la sfida e ha ribadito l'importanza della gara di domani: "Quella di domani è una partita importante perché dobbiamo consolidare la nostra posizione nel ranking FIFA (attualmente l'Italia e al 5° posto, ndr). Il Belgio è primo quindi non avrà problemi per il sorteggio, noi invece abbiamo bisogno di vincere e continuare su quella strada bellissima che abbiamo intrapreso. Abbiamo un gruppo di ragazzi giovani che possono giocare insieme ancora per anni e nella partita contro la Spagna sono rimasto orgoglioso di quanto hanno fatto, perché giocare contro di loro in inferiorità numerica è la cosa peggiore, eppure siamo riusciti a essere compatti e fare anche gol. C'era il rischio di perdere quattro o cinque a zero: invece i ragazzi sono stati molto bravi". Poi Mancini ha dato anche qualche indicazione sulla formazione per la 'finalina'. Possibili cambi in vista e più spazio per chi ha giocato meno di recente. A partire da Raspadori: "L'avrei fatto giocare anche a San Siro ma siamo in rimasti in dieci. Domani invece avrà possibilità di giocare. Però dobbiamo pensare che è un ragazzo giovane: avrà un grande futuro ma non dobbiamo dargli tutte le responsabilità. È importante provare qualcuno perché i titolari possono mancare qualche volta. Domattina decideremo su tutto, valutando e rispettando la condizione fisica di tutti ragazzi". E infine, sulla questione del falso nueve senza Immobile e Belotti, Mancini ha chiarito il suo pensiero: "A volte si parla del finto nove, ma Insigne e Chiesa sono attaccanti, non sono giocatori difensivi. La squadra gioca e attacca, poi quando siamo rimasti in dieci contro la Spagna è cambiato tutto". 

"Il Pallone d'Oro lo merita Jorginho"

leggi anche

Pallone d'Oro, -14 giorni: chi sono i 30 candidati

Oltre ai temi legati alla partita contro il Belgio, Mancini ha risposto anche alle domande sulla lista dei giocatori per l'assegnazione del Pallone d'Oro: "I miei giocatori (Barella, Jorginho, Bonucci, Chiellini, Donnarumma e Jorginho, ndr) ne fanno parte perché sono bravi, non per merito mio. Per me il premio lo deve vincere Jorginho: ha vinto tutto e se lo merita ampiamente. Mi sembrerebbe strano il contrario".