31 agosto 2017

Italia-Spagna: Azzurri diretti al Mondiale se…

print-icon
ita

Vincere per staccare un biglietto di sola andata per Russia 2018. E' questo il mantra che si ripete nel ritiro azzurro di Coverciano. Al Bernabeu un pareggio contro la squadra di Lopetegui non basterebbe per effetto della differenza reti sfavorevole. Per questo motivo Ventura sta pensando a un'Italia molto offensiva

CLICCA QUI PER SEGUIRE SPAGNA-ITALIA LIVE

Lo stanno dicendo a ripetizione tutti i principali protagonisti di quello che sarà un bivio cruciale nel cammino dell'Italia verso il Mondiale: "Battere la Spagna". Ne sono consapevoli sia Chiellini, che De Rossi, lo ha accennato Buffon, lo sta dimostrando il ct Giampiero Ventura nelle prove di formazione anti-Furie Rosse. Perché la vittoria rimane l'unico modo per andare dritti a Russia 2018 senza passare attraverso la lotteria dei playoff. Vincere, perché, anche pareggiando al Bernabeu, la Spagna, già in vantaggio nella differenza reti (+18 a +14) molto verosimilmente manterrà il margine anche dopo le sfide a Liechtenstein (in trasferta) e Albania (in casa). Il pericolo per gli uomini Lopetegui potrebbe essere rappresentato solo dalla trasferta in Israele nell'ultima giornata ma con Israele già eliminato. Scontato dire che in caso di pareggio, l'Italia dovrà vincere le restanti gare contro Israele e Macedonia (in casa) e in Albania (fuori) puntando anche a scarti molto ampi nel risultato. Difficile ma non impossibile. Va da sé che in caso di sconfitta contro la Spagna la Nazionale di Ventura sarebbe condannata ai playoff.

Le indicazioni dal campo

Per quanto riguarda, invece, le scelte di Ventura, il ct sta pensando a un atteggiamento tattico estremamente offensivo per avere una squadra capace di sostenere il palleggio e la pressione della Spagna. Dunque non un 3-5-2, molto spesso utilizzato, ma un 4-2-4, con in campo tutti i giocatori offensivi a disposizione del ct: due punte centrali come Immobile e Belotti e due esterni d'attacco. Uno di grandissima qualità e doti tecniche, Insigne, l'altro, Candreva, che alla qualità abbina ottime doti di corsa. Quanto al resto degli interpreti, la linea difensiva dovrebbe essere composta da Buffon, Darmian, Bonucci, Chiellini e Spinazzola. De Rossi e Verratti centrocampisti centrali. L'ipotesi di formazione della Spagna più probabile è 4-1-4-1 schierato con questi giocatori: De Gea; Carvajal, Piqué, Ramos, Alba; Busquets; Silva, Koke, Iniesta, Isco; Morata. Assente, almeno nell'undici titolare, l'uomo del momento del calcio spagnolo: il fantasista del Real Marco Asensio.

I PIU' VISTI DI OGGI