Rooney, 200 gol in Premier. Sterling risponde: City-Everton 1-1

Premier League
sterling_rooney_getty

Si chiude con un pareggio la seconda giornata di Premier League. Nel Monday night dell'Etihad Stadium la squadra di Guardiola riesce a rimontare l'iniziale svantaggio nei confronti dei Toffees. Apre Rooney che fa 200 in Premier. City in inferiorità numerica (espulso Walker) per gran parte del match. Sterling fa 1-1. Nel finale rosso anche a Schneiderlin

RIVIVI MANCHESTER CITY-EVERTON

MANCHESTER CITY-EVERTON 1-1

35' Rooney, 83' Sterling

Non sapremo mai come sarebbe finita se questa partita il Manchester City l'avesse giocata in parità numerica per gli interi 90'. Quello che è sembrato è che la squadra di Guardiola sia andata meglio con l'inferiorità numerica: più compatta, più coraggiosa, con maggiore voglia di ottenere un risultato positivo rispetto a quella vista fino all'espulsione di Walker. E' stato bravo l'Everton a non concedere spazio, forse sprecando molte delle energie che, poi, non sono bastate per mantenere il vantaggio. Va celebrato Wayne Rooney, immenso, con il suo 200° gol segnato in Premier, temuto e fischiato dall'Etihad, ma comunque un piacere per gli occhi vederlo giocare. Dalla sfida di Manchester ne è venuto fuori un pari che non ridimensiona il City, per quanto fatto vedere nella ripresa, e che regala un punto a un Everton che sta crescendo con i suoi giovani.

Ronney, 200 gol in Premier

Le scelte di Guardiola ricadono su Leroy Sane anziché Danilo e la solita coppia Gabriel Jesus-Aguero supportata dalla qualità di Silva. Per cercare di non subire l'inferiorità in mezzo al campo, Koeman risponde con un centrocampo piuttosto robusto. Non c'è Klaassen ma Davies e Schneiderlin. La trama della partita sembra essere scritta, la pioggia di Manchester rende le manovre del City veloci ma l'Everton resta sempre molto compatto con due reparti stretti a fare densità senza lasciare spazio a Silva dietro le linee e con un'attenzone particolare ad Aguero. La gara sembra piuttosto bloccata tatticamente, un tentativo piuttosto timido di De Bruyne scalda le mani a Pickford, Calvert Lewin, "il bambino" comincia a farsi vedere nella trequarti dei Citizens. La prima occasione vera e propria capita a Otamendi che con un bolide da furi area costringe Pickford alla respinta, Aguero prova un pallonetto che viene salvato sulla linea. E' il momento migliore della squadra di Guardiola e Silva, in diagonale, batte Pickford ma non il palo che respinge. Nemmeno 1' dopo e l'azione sulla destra di Calvert Lewin viene premiata da Rooney che, a rimorchio, mette dentro il gol del vantaggio: 200° in Premier League. Nel finale di tempo le cose si complicano ancora per il City: Walker colleziona due gialli e viene espulso.

Guardiola, scelta indovinata: Sterling entra e segna

In inferiorità numerica Guardiola modifica qualcosa nella ripresa e sacrifica Gabriel Jesus per fare posto a Sterling. La gara ricomincia come se il City fosse in parità numerica. L'Everton sembra controllare abbastanza agevolmente ma nonostante la superiorità di uomini non riesce a chiudere il match né a infierire. La formazione di Guardiola resta padrona del gioco e il tecnico catalano si gioca prima la carta Danilo e poi quella Bernardo Silva. Il City è visibilmente proiettato in avanti alla ricerca del pareggio, Koeman prova ad inserire nel campo un po' di qualità facendo entrare Klaassen e Sigurdsson ma non basta. I padroni di casa continuano a spingere, Pickford è ancora bravo in un paio di circostanze. Il City schiaccia l'Everton all'interno della propria trequarti e riesce a riequilibrare l'incontro. E' Sterling a scaraventare al volo in porta un pallone vagante. Nonostante il risultato di parità con l'uomo in meno, il City prova comunque a vincerla. Solo negli ultimissimi minuti si ristabilisce la parità numerica: a farne le spese è Schneiderlin che, per fallo da tergo su Aguero, colleziona il secondo giallo. Questa situazione non giova al City che prova e riprova ma va a casa con un 1-1 che comunque può essere considerato positivo. E dopo la gara il bellissimo gesto di Guardiola che è andato letteralmente a cercare Rooney per fargi i complimenti. Immagini che riconciliano con il calcio, stretta di mano tra due campioni, del campo e della panchina.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.