Wenger raggiunge Ferguson: 810 panchine in Premier League, alla guida del suo Arsenal

Premier League

22 stagioni alla guida dell'Arsenal. Arsene Wenger raggiunge un monumento del calcio inglese come Sir Alex Ferguson: 810 panchine in Premier League. Un innovatore, al quale nel recente passato non sono state risparmiate critiche

L'ARSENAL VINCE IL DERBY: 3-2 AL CRYSTAL PALACE

Wenger come Ferguson, anche se è soltanto un numero. L'allenatore dell'Arsenal raggiunge il monumento dello United a quota 810 panchine in Premier League, ma la statistica è destinata a reggere poco. Fino al 2018, appena scenderanno nuovamente in campo i Gunners. Nella 810^ è arrivata la vittoria per il francese, non senza sofferenza. Un 3-2 in casa del Crystal Palace che riporta i lanceri a stretto contatto con il quarto posto. Prima della gara, Wenger ha commentato il suo record ai microfoni dei giornalisti: "Oltre i nomi in tutti questi anni è cambiato tanto. La cosa più importante però è rimasta la stessa: lo spirito e la qualità da esprimere in campo. Alcuni aspetti tecnici e tattici sono differenti ma una volta sul terreno di gioco non c’è nulla di diverso a livello di atteggiamento: parlo di impegno, qualità, determinazione, efficienza". 

Marianella: "Wenger è stato straordinario, da qualche anno non è più un innovatore"

Wenger come Ferguson. È già un invito ad un paragone, rispolverando le frizioni tra detrattori e sostenitori dell'allenatore francese. Massimo Marianella ha commentato a Sky Sport 24: “La differenza tra Ferguson e Wenger è evidente a livello di titoli, percentuale di vittorie, trofei. L’era di Wenger con l'Arsenal sarebbe finita già da qualche tempo, ma è giusto ricordare tutto quello che ha fatto. È vero che ha vinto meno di Ferguson, ma ha dato tanto al calcio inglese. Ha introdotto tante cose: dalla dieta, allo stretching. Ha portato un calcio meraviglioso, ha comprato giocatori molto forti. Da quel punto lì non ha saputo poi rinnovarsi e non ha saputo organizzare una grande difesa. Lui ha anche attraversato un momento molto difficile, assorbendo il periodo della costruzione dello stadio. Tutto questo è costato in termini economici e in termini di giocatori. È stato straordinario per il calcio che ha regalato, per i giocatori che ha forgiato, i giovani che ha creato, per come ha assorbito questo passaggio economico. È stato un innovatore, da qualche anno non lo è più e da qualche anno non riesce più ad organizzare la fase difensiva dell’Arsenal”. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche