West Bromwich, squalifica di cinque giornate per Jay Rodriguez: è accusato di razzismo

Premier League
rodriguez_getty

L'episodio è avvenuto durante il match dello scorso 13 gennaio tra West Bromwich e Brighton. L'attaccante inglese avrebbe apostrofato con insulti razzisti l'avversario Gaetan Bong, difensore camerunense del Brighton. Rodriguez si difende: "Accuse false"

La Premier League si macchia di un episodio di razzismo. Il protagonista, suo malgrado, è Jay Rodriguez. L'attaccante 28enne del West Bromwich è stato accusato di aver rivolto insulti razzisti a Gaetan Bong, difensore del Brighton. I fatti risalgono al match di Premier League dello scorso 13 gennaio tra West Bromwich e Brighton. Rodriguez avrebbe detto a Bong: "Sei ne**o e puzzi", in un momento di tensione tra i due. La FA ha squalificato Rodriguez per cinque giornate, nonostante lui stesso neghi ogni tipo di accusa e insista nel dire che si è mai riferito al colore della pelle di Bong durante lo scambio: "Sono affranto e incredulo per la situazione in cui mi trovo. Nego al 100% le accuse false, farò ricorso ai miei legali per provare la mia innocenza". Questo il tweet apparso poche ore fa sul profilo di Rodriguez. La squalifica di cinque giornate è la punizione minima in base ai regolamenti della FA, ma la commissione potrebbe anche aumentare il numero. Nel comunicato della FA si legge: "Rodriguez è accusato di aver utilizzato parole offensive che includono un riferimento all'origine etnica e/o al colore e/o alla razza".

Bong: "Spero che ci siano sanzioni"

Anche l'agente di Rodriguez, Gary Mellor, nega le accuse: "Sono scioccato e rammaricato per le accuse. Le combatteremo". Ad entrambe le parti sarà dato il tempo di assemblare le prove, questo potrebbe comportare il fatto che Rodriguez venga sì squalificato, se alla fine ritenuto effettivamente colpevole, ma non da subito. Una posizione è stata presa anche da Richard Garlick, direttore sportivo del West Bromwich: "Come club restiamo pienamente a supporto di Jay, con l'impegno di accompagnarlo nel corso di questo processo". Bong, invece, aveva riferito tutto già allora all'arbitro Martin Atkinson: dopo essere stato preso per il naso e toccato da Rodriguez, il camerunense aveva poi riferito la sua versione ad una televisione francese: "Ha fatto commenti razzisti - aveva detto Bong - non posso tollerarlo. Ho parlato con l'arbitro, ha scritto un rapporto. Spero che ci siano sanzioni".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche