Sterling, che storia: "Arrivai in Inghilterra senza niente, ecco come ho realizzato il mio sogno"

Premier League
sterling_ansa

L'esterno del Manchester City racconta la sua emozionante storia: "Mio padre morì quando avevo 2 anni, mia madre andò da sola in Inghilterra per assicurarci un futuro. Ha pulito bagni e fatto grossi sacrifici, merita di essere felice e sono contento di aver comprato una casa per lei e mia sorella. A scuola non mi comportavo bene, mi cacciarono: avevo in mente soltanto il calcio. In pochi credevano in me, ma ho realizzato il mio sogno. Mia figlia? Ha un padre che vince col City, ma lei tifa Liverpool e canta Salah"

MANCHESTER CITY, QUASI FATTA PER JORGINHO

STERLING IN RITARDO, SOUTHGATE LO PERDONA

I calciatori vengono sempre visti come esempio di ricchezza, idoli da seguire o modelli da imitare. Molto spesso, però, dietro questi uomini ci sono delle storie difficili, attimi di vita che fanno riflettere. Certamente Raheem Sterling non ha vissuto un'infanzia semplice, come raccontato in una lunga intervista rilasciata a The Player Tribune: "Quando avevo due anni, mio ​​padre fu assassinato – racconta – Questo ha condizionato la mia intera vita. Non molto tempo dopo, mia madre prese la decisione di lasciare me e mia sorella in Giamaica e di andare in Inghilterra per poter prendere la laurea e darci una vita migliore. Per alcuni anni, abbiamo vissuto con nostra nonna a Kingston, e ricordo di aver visto gli altri bambini con le loro mamme sentendomi davvero geloso. Non ho capito appieno cosa stesse facendo mia mamma per noi. Sapevo solo che lei non c'era più. Mia nonna era fantastica, ma tutti vogliono la mamma a quell'età. Grazie a Dio avevo il calcio. Ricordo che quando pioveva, tutti i bambini correvano fuori e giocavano a calcio nelle pozzanghere. Questa è l'immagine che mi viene in mente quando penso all'atmosfera della Giamaica. Quando piove, nessuno si nasconde dentro. Esci e divertiti".

"A Londra mi cacciarono dalla scuola elementare"

"All'epoca non me ne rendevo conto, ma mia madre si stava dando da fare a modo suo, cercando di creare una vita migliore per noi – prosegue - Quando avevo cinque anni, ci trasferimmo a Londra per stare con lei, e quello fu un periodo difficile perché la cultura era molto diversa da quella a cui ero abituato e non avevamo molti soldi. Mia madre ha sempre fatto in modo di avere ciò di cui avevamo bisogno, ma di certo non eravamo ricchi. Lavorava come addetta alle pulizie in alcuni hotel per fare soldi extra in modo da poter pagare la sua laurea. Non dimenticherò mai quando mi svegliavo alle 5 del mattino prima di andare a scuola per aiutarla a pulire i bagni dell'hotel di Stonebridge. Ma quando andavo alle elementari ero cattivo, non volevo stare fermo e non ascoltavo la maestra. Volevo solo uscire fuori a giocare calcio, correre nel fango e sentirmi Ronaldinho. Ero così cattivo che mi cacciarono dalla scuola elementare. Ma non volevo ascoltare nessuno tranne mia mamma, questo era il mio problema. Così ho iniziato a comportarmi meglio e sono tornato a scuola".

"Ecco quando la mia vita è cambiata"

Poi Sterling parla di quando ha iniziato a fare il calciatore: "Il momento in cui la mia vita è cambiata è stato quando ho incontrato un ragazzo di nome Clive Ellington. Era solito guidare i bambini del nostro vicinato che non avevano i loro padri in giro. Nel fine settimana ci portava in piccoli viaggi per Londra e ci mostrava un lato diverso della vita. A volte andavamo solo a giocare a biliardo. Lui sinceramente si è preoccupato per noi. Così un giorno mi fece sedere e disse: "Raheem, cosa ti piace fare?". Io risposi che mi piaceva giocare a calcio e m'invitò a giocare in una piccola squadra della Sunday League. Quel momento ha cambiato la mia vita. Da quel giorno, era il calcio, il calcio, il calcio. Ossessionato. Totalmente ossessionato. Quando avevo 10 o 11 anni, stavo per essere preso da alcuni grandi club di Londra. Il Fulham mi voleva, l'Arsenal mi voleva. E quando l'Arsenal ti vuole, certo, pensi di andare lì: è il più grande club di Londra. Quindi corro in giro a dire ai miei amici: "Vado all'Arsenal!". Ma mia mamma sa come funziona il mondo e mi consigliò di non andare all'Arsenal. Mi disse che lì ci sarebbero stati 50 giocatori migliori di me e che era meglio andare in una squadra in cui potevo mettermi in mostra. Mi ha convinto ad andare al QPR ed è stata probabilmente la decisione migliore che abbia mai preso. Ma è stato abbastanza difficile per la mia famiglia, perché mia madre non mi avrebbe mai permesso di andare ad allenarmi da solo. E ha sempre dovuto lavorare, quindi mia sorella avrebbe dovuto portarmi fino ad Heathrow. Prendevamo tre autobus, ho passato anni su quei sedili: partivo alle 3 del pomeriggio e tornavo a casa alle 11 di sera. E mia sorella con me, con il caffé in mano aspettandomi mentre finivo gli allenamenti. A quel tempo, non capivo quanto stava sacrificando. Lei e mia mamma mi hanno portato qui. Tutta la mia famiglia ha avuto un ruolo importante nella mia vita. Senza di loro, non sarei nessuno".

"Non tutti credevano in me, ma ci sono riuscito"

"Sono cresciuto all'ombra dei miei sogni. Letteralmente. Ho visto il nuovo stadio di Wembley risalire dal mio giardino sul retro. Un giorno, sono uscito e ho visto questo enorme arco nel cielo come una montagna. Avevo l'abitudine di calciare in questo verde proprio da casa mia, e potevo fare un tiro in porta e poi girarmi per festeggiare e l'arco di Wembley sarebbe letteralmente proprio sopra la mia testa. Era come se fossi lì. Non tutti credevano in me, la maestra mi diceva sempre: “Veramente vuoi diventare calciatore? Sai quanti milioni di bambini vogliono riuscirci?”. Due mesi dopo, sono stato convocato per l'Under 16 inglese, e ho segnato due gol contro l'Irlanda del Nord. Era tutto in televisione, tutto. Questo è stato un grande momento per me. Sono tornato a scuola il lunedì e all'improvviso quell'insegnante è stato il mio migliore amico. Ma il vero punto di svolta arrivò quando avevo 15 anni. Il Liverpool mi voleva, ma erano tre ore lontano da casa. E non dimenticherò mai quando dissi a mia madre che volevo andare. Amo tutti i miei amici del mio quartiere. Sono ancora i miei migliori amici del mondo. Ma a quel tempo c'era un sacco di criminalità, e pensavo che il Liverpool fosse una possibilità per me di andare via e concentrarmi solo sul calcio. Per due anni sono diventato un fantasma. Quando avevamo un giorno libero, tornavo a Londra in treno per un giorno per vedere mia madre, e poi tornavo a Liverpool. Sono stato chiuso dal mondo. Mi stavo solo costruendo come calciatore. Il club mi ha fatto vivere con questa coppia di anziani. Avevano circa 70 anni e mi trattavano davvero come il loro nipotino. Era il momento più importante della mia vita. Ero riuscito a permettere a mia madre e mia sorella di non stressarsi più, avevo comprato loro una casa. Molto spesso scrivono di me cose sbagliate, ma finché mia madre è contenta va bene così. Lei è arrivata qui senza nulla, ha pulito i bagni per mantenermi e se c'è una persona che merita di essere felice è lei".

"Mia figlia tifa Liverpool e canta Salah"

Oggi Sterling si ritrova a ricoprire il ruolo di padre: "Mia figlia è un po' sfacciata, mia madre mi aveva avvertito – racconta – L'altro giorno correva per casa cantando una canzone, sapendo che suo padre aveva appena vinto il campionato con il City. Sapete cosa cantava? Una canzone del Liverpool, lei tifa per i Reds. E a casa Sterling cantava una canzone su Salah, re egiziano".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche