Liverpool, Salah fa gol al Southampton e poi regala la maglia a un bambino in lacrime: VIDEO

Premier League

Splendido gesto dell'egiziano che, al termine della sfida al Southampton in cui è andato a segno, ha regalato la maglia dei Reds a un bambino con in mano un cartello per lui

PREMIER, VOLA IL LIVERPOOL: 3-0 AL SOUTHAMPTON

KLOPP DICE NO ALLA SERIE SU AMAZON

Il Liverpool non si ferma più. Sabato, contro il Southampton, è arrivata la sesta vittoria su sei in Premier League che, unito al successo in extremis ai danni del Psg in Champions, fa en plein da inizio stagione. Fin qui, però, era mancato l'acuto di Mohamed Salah, straordinario trascinatore della scorsa annata, culminata con la finale di Champions. L'egiziano era rimasto a secco di gol, ma contro i Saints si è finalmente sbloccato, segnando nel recupero del primo tempo la terza rete che ha chiuso definitivamente l'incontro. L'ex Roma è arrivato prima di tutti sul pallone, rimasto vagante sulla linea di porta dopo la traversa colpita da Shaqiri su punizione, e ha arrotondato il punteggio dopo l'autogol di Hoedt e il colpo di testa di Matip. Salah aveva già sfiorato il gol pochi minuti prima, con una splendida percussione centrale conclusa da un colpo di tacco a un soffio del palo. Il vero gesto da applausi, comunque, l'attaccante l'ha compiuto a fine partita. Mentre ringraziava i tifosi ed era pronto a imboccare la via degli spogliatoi, l'egiziano ha notato un bambino con in mano un cartello in cui chiedeva la maglia del suo idolo. Così si è avvicinato al ragazzino, Lewis Dunlop, e ha accontentato il suo desiderio, donandogli la maglia rossa con la quale ha realizzato il primo gol stagionale. Il bambino non si è trattenuto ed è scoppiato a piangere per la felicità, rendendo il video virale. Poco dopo poi, il padre di Lewis, Wayne, ha voluto ringraziare il gioco attraverso un post sull'account personale di Twitter: "Non potrò mai ringraziarti abbastanza - ha scritto -. Hai emozionato il mio ragazzo e anche me. Questi sono momenti della vita così belli e importanti che non si possono spiegare. È un giorno che mio figlio Lewis non dimenticherà mai".

I più letti