Chelsea, musica troppo alta nel giardino di Loftus Cheek: la rabbia dei vicini

Premier League

Il centrocampista inglese è fermo ai box per l'infortunio al tendine d'Achille che lo ha privato di giocare la finale di Europa League giocata e vinta dal Chelsea contro l'Arsenal. Loftus Cheek però fa parlare di sé fuori dal campo: lamentele dei vicini di casa per il volume della musica nel suo giardino

CHELSEA, ROTTURA DEL TENDINE D'ACHILLE PER LOFTUS CHEEK

KANTÈ, CHE SORPRESA ALL'AMICO TIFOSO DEL CHELSEA

Problemi di vicinato per Ruben Loftus-Cheek. Il giocatore del Chelsea ha fatto arrabbiare i vicini di casa per colpa del volume troppo valto della musica, ma non solo. Secondo quanto riportato dal Sun, il calciatore classe '96 ha costruito nel giardino di casa sua una struttura in legno in cui rilassarsi ascoltando musica trap. Una scelta che non è piaciuta ai vicini di casa, privati della loro quiete interrotta per il volume troppo alto e per le dimensioni dell'installazione presente nel giardino.

"Siamo costretti a urlare"

I vicini hanno espresso tutto il loro risentimento nei confronti del giocatore: "Siamo costretti ad urlare oltre il recinto per chiedergli di far abbassare il volume della musica, che ha spesso contenuti offensivi. Questo rumore è inaccettabile. Ti fa sentire come se fossi in un ghetto". I documenti che la madre del calciatore ha consegnato presso l'Elmbridge Borough Council dimostrano che la decking area (una terrazza rialzata in legno) è stata costruita 3 anni fa. Chi ne ha approvato questa costruzione dovrà stabilire se abbattere la struttura che continua a far discutere i vicini: "Siamo contrari al decking eretto illegalmente dai nostri vicini. L'altezza ostacola la vista. Abbiamo perso la privacy del nostro giardino".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.