Guardiola: "Mentalità Manchester City? Iniziata con Mancini"

Premier League
©Getty

Fresco vincitore della Coppa di Lega e atteso da una nuova sfida in FA Cup, l'allenatore dei Citizens ha speso parole importanti per un suo predecessore in panchina: "Il processo vincente del club è iniziato più di un decennio fa. Il momento più importante? Il campionato vinto con Mancini, credo che lui abbia cambiato la nostra mentalità"

Ottavo titolo in panchina al Manchester City, quasi la normalità per chi dall’avvento da allenatore ha collezionato la bellezza di 29 trofei. Parliamo ovviamente di Pep Guardiola, manager dei Citizens e fresco vincitore della Coppa di Lega inglese: 2-1 all’Aston Villa, terzo successo di fila della società nella competizione e una nuova sfida all’orizzonte in FA Cup. Ostacolo Sheffield Wednesday agli ottavi per la squadra campione in carica, lontana 22 punti dal Liverpool capolista in Premier ma chiamata a imporsi nelle coppe. E non sarebbe una novità per un club abituato a vincere nelle ultime stagioni, basi e fondamenta che arrivano da lontano come spiegato dallo stesso Guardiola. E uno dei fattori è stato un allenatore italiano.

Guardiola, applausi a Mancini

Oggi Ct della Nazionale italiana dai numeri sensazionali verso Euro 2020, Roberto Mancini è stato uno dei predecessori di Pep al Manchester City dove ha allenato tra il 2009 e il 2013. Tre i titoli conquistati con i Citizens, trofei tra i quali spicca lo scudetto festeggiato nel 2012. E sul conto di Roberto sono arrivate parole importanti da parte di Guardiola: "Ci sono tanti sforzi (dietro la mentalità vincente del club, ndr), il processo è cominciato più di un decennio fa e tante persone hanno contribuito. Penso che il momento più importante sia stato il campionato vinto con Roberto Mancini". Insomma, un anno zero per il club che in precedenza si era assicurato 13 trofei ma era rimasto a secco dagli anni Settanta. Determinante l’impronta di un allenatore navigato come il "Mancio", lo ha ammesso Guardiola: "Credo che abbia cambiato la mentalità del club. Il primo passo è sempre il più difficile. E Roberto Mancini con il suo staff e i suoi giocatori l’hanno fatto. Poi sono venuti gli altri e noi abbiamo continuato il processo". E il resto è davvero storia recente.

Roberto Mancini festeggia il titolo in Premier nel 2012
Roberto Mancini festeggia il titolo in Premier nel 2012 - ©Getty

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche