Liverpool, messaggio anti-razzismo dopo la morte di George Floyd

razzismo

Davvero significativa l'immagine condivisa dai Reds e dai suoi giocatori su Instagram, scatto che ritrae l'intera squadra in ginocchio e distanziata ad Anfield. La dedica è al cittadino afroamericano rimasto ucciso durante un arresto a Minneapolis. "L'unione fa la forza", recita il post dell'account del Liverpool: si tratta dell'ennesima manifestazione di solidarietà nel calcio dopo il weekend in Bundesliga

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Ben 29 persone inginocchiate in campo ad Anfield, posa che riprende la protesta del quarterback del football americano Colin Kaepernick nel 2016 contro il razzismo negli Stati Uniti. Un gesto che abbiamo visto nel weekend in Bundesliga con Marcus Thuram, attaccante del Borussia Mönchengladbach dalla dedica destinata a George Floyd. Un omaggio destinato anche dal Liverpool al cittadino afroamericano, morto durante un arresto a Minneapolis. Netta la presa di posizione dei Reds, pensiero d’attualità anche nel calcio tedesco tra diverse manifestazioni (Sancho, Hakimi e McKennie) e che, tra i big del pallone, ha registrato anche le parole di Kylian Mbappé.

Liverpool, messaggio contro il razzismo

Nel caso dei campioni d’Europa in carica, distanziati durante una sessione d'allenamento in rispetto alle norme di sicurezza attuali, c’è il post su Instagram dal messaggio significativo: "L'unione fa la forza", accompagnato dall’hashtag #BlackLivesMatter ("Le vite nere contano") che sta spopolando sui social network negli ultimi giorni. Una foto e un messaggio condiviso dall'account ufficiale del Liverpool e dai giocatori sui propri canali: si va dal portiere Alisson ai difensori Van Dijk, Gomez, Lovren, Robertson e Alexander-Arnold. All’appello rispondono anche i senatori Henderson e Milner, loro come Wijnaldum, Mané e Firmino.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche