Liverpool, Klopp: "Festeggeremo con i tifosi appena possibile, con una grande parata"

Premier League

L’allenatore dei Reds ha parlato delle limitazioni che impediranno al Liverpool di festeggiare la conquista della Premier insieme ai tifosi: "Prima o poi arriverà il momento in cui potremo farlo, ora i nostri sostenitori devono stare a casa"

RIPRESA SERIE A, IL CALENDARIO UFFICIALE

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

La maggior parte dei grandi campionati europei è pronta a riprendere e per il Liverpool questo conta un po’ in più degli altri. Dopo trent’anni, infatti, i Reds si preparano a vincere una Premier League dominata dall’inizio alla fine e la ripresa delle competizioni ha ridato entusiasmo. "Il giorno in cui abbiamo ripreso ad allenarci mi sono svegliato la mattina e ho detto: 'Sì, finalmente!', sembrava il primo giorno di scuola, anche se forse non ero così esaltato quando andavo a scuola, ma rende l'idea. Non vedevo l'ora ed è bello essere tornati, se certe cose non ci mancassero non sarebbero così importanti. Avevamo voglia di rivederci e poterlo fare è stato bellissimo" ha detto Jurgen Klopp in un’intervista rilasciata a BBC Radio 5. Le nuove norme prevedono delle misure di sicurezza rigide, per limitare i rischi di contagio e qualche scomodità non manca: "Il centro sportivo è stato attrezzato alla grande, abbiamo percorsi ben definiti da seguire, se ti trovi in un punto preciso su un campo e devi andare in bagno impieghi un quarto d'ora a tornare dov'eri, perché ci sono appunto indicazioni molto severe".

Festa con i tifosi

Sarà in ogni caso una festa diversa, perché il Liverpool non potrà contare sull’appoggio formidabile dei suoi tifosi, che non potranno essere allo stadio o radunarsi per celebrare la conquista tanto attesa del titolo: "Prima o poi arriverà il giorno in cui avremo il tempo, la possibilità e il permesso di festeggiare insieme ai nostri tifosi e lo faremo, questo è il Liverpool, è sempre stato un club speciale e lo sarà anche in questo. Qualcuno dice: come si fa a festeggiare questo campionato l'anno prossimo a marzo? Se sarà possibile lo faremo con una grande parata, non ci importano i giudizi degli altri, sarà un momento solo nostro. Agli altri potrà non piacere ma a noi sì, quindi quando si potrà faremo quello che vogliamo". L’allenatore tedesco ne ha approfittato quindi per fare un appello: "In questo momento però dovremo festeggiare la vittoria della Premier senza i tifosi e all'interno dello stadio, ma i nostri tifosi che in casa sono i migliori al mondo, ora dovranno essere i migliori al mondo a stare a casa. E lo faranno, perché sono dalla nostra parte, vogliono aiutarci e ora per farlo devono restare a casa, mandandoci il loro amore, le loro preghiere e i loro pensieri, noi li porteremo in campo e giocheremo il miglior calcio possibile".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche