Colpo Burnley, Reds ko in casa dopo 68 partite

Premier League
©Fotogramma

Ad Anfield il Liverpool cade e perde un'imbattibilità casalinga in Premier che durava da quasi 4 anni. Decide un rigore di Barnes nel finale, che impedisce ai Reds di tenere il passo delle prime in classifica. Tottenham ed Everton pronte al sorpasso

LA CLASSIFICA DI PREMIER

LIVERPOOL-BURNLEY 0-1


83' Barnes


LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Fabinho, Robertson; Shaqiri (84' Minamino), Thiago, Wijnaldum; Oxlade-Chamberlain (57' Firmino), Origi (57' Salah), Mané. All: Klopp

BURNLEY (4-4-2): Pope; Lowton, Tarkowski, Mee, Taylor (49' Pieters); Brady (65' Gudmundsson), Westwood, Brownhill, McNeil; Wood, Barnes. All: Dyche

Ammoniti: Barnes (B), Fabinho (L), Matip (L)


 

Dopo 68 partite, quasi 4 anni, il Liverpool perde la sua imbattibilità casalinga in Premier League. A firmare l’impresa è il Burnley che fa un bel passo allontanandosi dalla zona retrocessione grazie alla vittoria ad Anfield. Basta un rigore, che Barnes si procura e trasforma a 7’ dalla fine, dopo che il Burnley aveva eretto un muro davanti alla propria porta, arrivando comunque a impensierire Alisson in più di un’occasione. L’ultima, nel finale, costringe il portiere brasiliano ad atterrare Barnes, e il Liverpool torna a perdere un match di campionato ad Anfield, cosa che non accadeva dal 23 aprile 2017.

Attacco a secco da 4 gare

Negli ultimi minuti l’assalto dei Reds alla porta di Pope si fa ancora più intenso e disperato, con Klopp che manda in campo anche Minamino, oltre a Firmino e Salah, inseriti dopo un’ora di gioco quando il risultato non si sbloccava, in modo da ricomporre il tridente con Mané. La magia di un tempo sembra però svanita, e la sconfitta con il Burnley certifica soprattutto il problema in attacco. Per la quarta partita di fila in Premier il Liverpool non segna, evento che non si verificava da 21 anni; dopo il 7-0 al Crystal Palace del 19 dicembre la banda di Klopp ha segnato appena un gol (con Mané, nel’1-1 con il West Brom), cogliendo 3 pareggi e 2 sconfitte. Con conseguente frenata in classifica, dove ora i Reds sono quarti (34 punti) a -4 da Leicester e Manchester City. Ma più che guardare verso l’alto, ora c’è da guardarsi le spalle: il Tottenham, a -1 con una partita in meno, può già sorpassarlo, così come l’Everton di Ancelotti (a -2, ma con due partite in meno).

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.