Martina Bonucci, prendere o lasciare: #regolatevi

Serie A

Alfredo Corallo

martina_bonucci_cover_instagram

La moglie del difensore juventino è un modello "social" di anti-diva: autoironica (a volte anche troppo) e lontana dagli eccessi di alcune "colleghe" wags, come vorrebbe ormai il cliché di cui Victoria Beckham ha fatto scuola. Una ragazza acqua e sapone, ma non fatela arrabbiare...

"Do you know meaning of schiumare?". E lei, miss Bonucci, "lady" del migliore calciatore della Serie A (con tanto di premio AIC) sarebbe la nostra risposta alle Wife And GirlfriendS d'Oltremanica (e d'Europa)? Fortunatamente, sì. Certo, "sweating" sarebbe stato molto più british, più spring/summer collection, e se lo sapesse la presidentessa (onoraria) Victoria Beckham la farebbe radiare all'istante dall'Albo delle wags, altro che multa... Ma il punto sta proprio qui: si può continuare a essere "normali", pur convivendo con una star del calcio? Perché Leo Bonucci - piaccia o no - è una celebrità, e per quanto si sforzi di condurre una vita da very normal people rappresenta un "Totem" per il popolo juventino. Eppure Martina ci prova, sviluppando delle personalissime strategie "difensive" di comunicazione, che non prevedono l'ostentazione, "sfarzi" di alcun tipo, e solo per questo meriterebbe una Champions ad honorem...

Do you know meaning of "schiumare"? #regolatevi

Un post condiviso da Martina Maccari (@martinazoev) in data:

 

#escile. L'autoironia - che qualcuno chiama simpaticamente "ignoranza" - con cui affronta il "tritacarne" dei social è un modello di anti-divismo che attrae, e non è solo una questione di numeri (167mila followers fanno ridere rispetto ai milioni delle sue "colleghe"). Anche la foto del décolleté che ci ha mostrato la scorsa settimana, per dire: se l'avesse fatto un'altra (una a caso) sarebbero piovuti i commenti più beceri e oltraggiosi; invece quel "pensavo di raccontarvi qualcosa di interessante..." l'ha resa ancora più irresistibile agli occhi della platea dei pallonari, Bonucci compreso ("Sono finteee! #escile") tentato anche dall'assist di Alessandro Matri che aveva rilanciato l'hashtag caro ai fedelissimi delle "bomberine" del web, di cui la fidanzata Federica Nargi è regina incontrastata (meritatamente...).

Pensavo di raccontarvi qualcosa di interessante.... 🙈😜🤙🏻 #sifaperridere #fatevoi

Un post condiviso da Martina Maccari (@martinazoev) in data:

 

Prendere o lasciare. D'altronde, nella bio del suo profilo si autodescrive da "Prendere o lasciare!" e questo suo modo di spiazzare, puntualmente (è una scorpioncina, particolare da non sottovalutare) "seduce" in maniera trasversale: mamme, mogli, figlie e "persino" uomini che si professano di fedi calcistiche differenti da quella bianconera, molti dei quali l'hanno sostenuta quotidianamente con migliaia di messaggi d'affetto nei mesi di apprensione per il piccolo Matteo. Perché, come direbbe lei: "C'è Chiara Ferragni. E poi ci sono i caxxi di tutti i giorni". Milioni o non milioni (di euro).

Il tentativo di continuare a rimanere sé stessi per la donna di un campione è un'operazione coraggiosa, quindi potenzialmente pericolosa: se un giorno decidi di "sbroccare" con dei tifosi perché vieni scambiata in continuazione per la "fotografa ufficiale" del consorte, o te la prendi con l'allenatore perché non lo fa giocare, sai già che uno sfogo sui social avrà delle conseguenze (oltre a mettere in difficoltà il calciatore, che ha delle responsabilità verso il club d'appartenenza e la tifoseria). E sei consapevole che tra la "sparata" e le scuse si scatenerà un vortice di parole privo di controllo. Ma "una bambina senza coraggio è come una notte senza stelle", no? È la sua filosofia, il suo codice spirituale. Anche se, a volte, bisogna saper fare un passo indietro: da due anni, ad esempio, non aggiorna più il suo adorato blog "Lo Zoo di Zoev". Meglio sacrificarlo, evitare "casini", se la scelta è "funzionale" a proteggere la serenità della sua famiglia, il suo "sangue".

 

Acqua e sapone. Non manca però di deliziarci con le sue "perle" su Instagram. In ordine sparso: "Dai confessatelo... Chi non mette la mutanda antisesso sotto il body?!?"; "11º COMANDAMENTO: trova metodi alternativi per procurarti orgasmi" (con la lista degli ingredienti per i dolci al cocco: "200gr zucchero, 200gr farina di cocco, 4 albumi d'uovo..."). "E comunque, baciatevi con la lingua". "Giorno 7. Capelli sporchi e herpes". "Chiuso per ciclo".

Pulitevi la faccia. O Sciacquatevi la bocca. #regolatevi

Un post condiviso da Martina Maccari (@martinazoev) in data:

 

#regolatevi. Oppure il mitico "Guardami. E vai" - ai confini tra ipnosi e rito scaramantico - che era diventato un appuntamento fisso tra lei e il marito (e noi in mezzo, naturalmente) nel giorno di ogni partita dell'Italia agli ultimi Europei, e che per un po' ha anche funzionato... Insieme al suo hashtag preferito: "regolatevi", che vuol dire tutto e non vuol dire niente, ma forse è proprio questo il segreto. #fatevoi

💪🏻🇮🇹 by #snapchat MartinaZoev

Un post condiviso da Martina Maccari (@martinazoev) in data:

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche