Juventus-Crotone 3-0: a segno Mandzukic, De Sciglio e Benatia. Gol e highlights

Serie A

Ivano Pasqualino

La Juventus riesce a battere il Crotone 3-0 anche senza le sue stelle: Higuain è in panchina, Dybala è poco ispirato, i tre gol portano la firma di Mandzukic, De Sciglio e Benatia. Esordio in bianconero di Höwedes. Allegri torna a -4 dal Napoli, con lo scontro diretto nella prossima giornata

LE PAGELLE - IL TABELLINO

IL COMMENTO DI ALLEGRI

IL COMMENTO DI NICOLA

JUVENTUS-CROTONE 3-0

52' Mandzukic, 60' De Sciglio, 71' Benatia

COSI' IN CAMPO

Juventus (3-4-2-1): Buffon; Barzagli, Höwedes (dal 68' Pjanic), Benatia; Lichtsteiner (dal 56' De Sciglio), Marchisio (dal 31' s.t. Sturaro), Matuidi, Alex Sandro; Douglas Costa, Dybala; Mandzukic

Crotone (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Pavlovic; Rohden, Barberis (dal 77' Aristoteles), Mandragora, Nalini (dal 85' Faraoni); Tonev (dal 74' Trotta), Budimir

La Juventus brilla anche senza HD. Higuain è in panchina, Dybala è spento, e allora ecco che ci pensano Mandzukic, De Sciglio e Benatia a stendere il Crotone per 3-0. Una partita senza storia, risultato mai in discussione, nonostante il primo tempo sia terminato senza gol. La squadra di Allegri si rialza dopo la batosta contro la Sampdoria e con questa vittoria stacca la Roma, portandosi da sola al terzo posto con 34 punti (a -2 dall’Inter e a -4 dal Napoli). Nella prossima giornata la Juventus vola a Napoli per sfidare la capolista e provare a portarsi a -1 dalla squadra di Sarri. Il campionato è ancora apertissimo.

Higuain in panchina

La Juventus va in campo con la 19esima formazione diversa nelle prime 20 partite stagionali. Allegri ripropone la difesa a 3 con l’esordio di Höwedes accanto a Benatia e Barzagli. Tornano titolari Matuidi e Marchisio. Higuain va in panchina, c’è Mandzukic in attacco. Alle spalle del croato giocano Dybala e Douglas Costa. Nel Crotone va in panchina Trotta, in attacco c'è Tonev accanto a Budimir. Parte titolare Mandragora, centrocampista ceduto proprio dalla Juventus al Crotone. Per la prima volta Nicola schiera l’attacco che ha provato in tutto il ritiro e nel pre-campionato: Budimir prima punta, con Tonev vicino e Nalini che in fase offensiva fa il terzo attaccante.

Il muro del Crotone

Si capisce subito che non sarà la partita degli attaccanti. L’uomo più pericolo della Juventus, nel primo tempo, è Matuidi. Sfiora due volte il vantaggio, mancando di poco il bersaglio. Douglas Costa è l’unico che regala qualche rara fiammata, mentre Dybala è spento e Mandzukic si vede soltanto al 43’, con un colpo di testa finito a lato. Il Crotone non va oltre un tiro di Tonev al 40’: lancio dalle retrovie, l’attaccante di Nicola scappa alla marcatura dei difensori bianconeri, entra in area e calcia da posizione defilata non centrando la porta. Ma i dati al termine del primo tempo suggeriscono che il muro del Crotone sta per crollare: 28 minuti di possesso palla per la Juventus contro i 5 minuti del Crotone. Non solo. Per la seconda volta da quando è in Serie A, il Crotone ha giocato un solo pallone in area avversaria nei primi 45' (entrambe contro la Juventus).

La festa dei difensori

Nella ripresa la Juventus raccoglie i frutti seminati nel primo tempo. Al 43’ Mandzukic sblocca il match con un colpo di testa su assist di Barzagli. L’attaccante croato ha segnato in tutte e tre le partite giocate in Serie A contro il Crotone, realizzando sempre il gol dell'1-0. Terzo gol in campionato per Mandzukic, che non segnava in Serie A da settembre contro la Fiorentina: tutte e tre le reti sono arrivate all'Allianz Stadium. Il gol di Mandzukic consegna l’ennesimo record ai bianconeri: la Juventus ha segnato in 43 partite di fila in Serie A, eguagliando il record di gare consecutive con gol stabilito proprio dalla Juventus (tra febbraio 2013 e marzo 2014). Il guizzo del croato resterà l’unico lampo di un attaccante in questo match. Dybala è poco ispirato, Higuain non entra, e allora ci pensa De Sciglio a entrare e a realizzare il gol del 2-0 con un grande tiro da fuori area al 60’ (prima rete per De Sciglio in Serie A). Benatia si unisce alla festa dei difensori, segnando al 71’ da due passi la rete che chiude il match. Prima rete in questo campionato per il centrale marocchino, che non segnava in Serie A da marzo contro il Milan. La Juventus chiude la gara in crescita, confermando un dato statistico molto particolare: tutte le ultime otto reti segnate dalla Juventus in Serie A sono arrivate nei secondi tempi. I bianconeri dovranno mantenere questo ritmo alto per provare a sbancare il San Paolo, nello scontro diretto in programma la prossima giornata contro il Napoli.

Le statistiche del match

- Allegri ha schierato la 19esima formazione diversa nelle prime 20 partite stagionali.

- Per la seconda volta da quando è in Serie A, il Crotone ha giocato un solo pallone in area avversaria nei primi 45', entrambe contro la Juventus.

- Mario Mandzukic ha segnato in tutte e tre le partite giocate in Serie A contro il Crotone, realizzando sempre il gol dell'1-0.

- La Juventus ha segnato in 43 partite di fila in Serie A, eguagliando il record di gare consecutive con gol stabilito proprio dai bianconeri (tra febbraio 2013 e marzo 2014).

- Terzo gol in campionato per Mandzukic, che non segnava in Serie A da settembre: tutte e tre le reti sono arrivate all'Allianz Stadium.

- Il Crotone è la squadra che ha subito più gol di testa in questa Serie A (sei).

- Primo gol in Serie A di Mattia De Sciglio.

- La Juventus è la squadra che ha segnato più gol da fuori area in questo campionato (otto).

- Prima rete in questo campionato per Benatia, che non segnava in Serie A da marzo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.