Milan, Fassone: "Gattuso non è un tappabuchi, fiducia a Mirabelli"

Serie A
Marco Fassone, ad del Milan (Getty)

Queste le parole dell'ad durante la conferenza di presentazione di Gattuso: "E' stata la scelta più giusta in questo momento. A gennaio la squadra non verrà rinforzata, siamo convinti che va bene così. Mirabelli ha la mia fiducia e quella della società, a fine stagione faremo i conti..."

ESONERO MONTELLA: LA SCELTA - REAZIONI - L'OPINIONE DI MARANI - MONTELLA-MILAN: STORIA TATTICA - MONTELLA STORY - GATTUSO, IL SUCCESSORE - VIDEO

Il Milan di Gattuso è iniziato, al via un nuovo percorso. Rossoneri 2.0 dopo l'esperienza di Montella, conclusa con l'esonero di quest'ultimo. Ora c'è Rino, cuore e grinta per il Milan. "Scelta giusta, non è un tappabuchi". E durante la conferenza di presentazione del nuovo allenatore rossonero, Marco Fassone ci tiene a ribadirlo: "E' il meglio in questo momento". Queste le parole dell'amministratore delegato del Milan durante la conferenza. 

"Gattuso non è un tappabuchi"

"Oltre al benvenuto formale per Rino, dato anche dal presidente con un abbraccio da Guangzhou, la scelta di Rino non è stata un tappabuchi, ma la scelta più giusta da fare in questo momento: Gattuso conosce queste stanze, questo spogliatoio e in questi mesi con la Primavera ha raggiunto risultati considerevoli. Mirabelli mi aggiorna sempre: è una scelta voluta, da un lato ha entusiasmo e passione nell’aver accettato il ruolo. Dall’altro l’umiltà mostrata nel porsi nei nostri confronti, è una scelta fortemente voluta e non posso che fargli l’in bocca al lupo più grande. Guardiamo al futuro con ottimismo e tireremo le somme: nel parlare alla squadra abbiamo ricordato che restano 24 partite per arrivare a fine stagione".

"La squadra non verrà rinforzata"

Continua Fassone: "Su Montella ho letto, sentito parlare di fulmine a ciel sereno, ma è evidente che il cielo sopra Milanello ora non lo sia. La stagione è nata male, per questo ho preso questa decisione con molta amarezza, per il rapporto che si è creato tra me, Vincenzo e Mirabelli in questi mesi: a Vincenzo non posso che dire grazie per ciò che ha fatto in questi mesi di lavoro, conquistando un trofeo e riconquistando l’Europa League". Conclude: "C’è soltanto un ringraziamento da parte mia: se ci sono stati errori ci sono stati da parte di tutti. Si è persa un’opportunità e speriamo che il nuovo capitolo sia migliore. Mirabelli ha la totale fiducia mia e della proprietà, ha responsabilità tecniche ampie e non abbiamo intenzione di andare sul mercato a gennaio: siamo convinti che questa squadra non vada rinforzata. Sappiamo cosa c’è che non ha funzionato, siamo intervenuti e stiamo intervenendo per risolverle".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche