Roma, Monchi ha le idee chiare: "Vorrei vincere un titolo"

Serie A

Alla vigilia della sfida con il Qarabag, il ds giallorosso si è raccontato al giornalista spagnolo Alberto Gallego: "Alla Roma lavoro come quando ero al Siviglia. Gli obiettivi sono molt alti, quali? Mi piacerebbe vincere un titolo"

ROMA-QARABAG, LE PROBABILI FORMAZIONI

ROMA AGLI OTTAVI SE... TUTTE LE COMBINAZIONI

Un primo bilancio è possibile farlo, non sarà definitivo, certo, le attese e gli obiettivi fissati sono molto in alto. Non ha paura di ammetterlo il ds della Roma Monchi che, insieme all'allenatore Eusebio Di Francesco, sta raccogliendo i frutti di un progetto tecnico che è ben decollato. Al giornalista spagnolo Alberto Gallego, Monchi ha detto: "Alla Roma mi lasciano lavorare come lavoravo al Siviglia. Io ho un metodo, se non lavoro così non valgo nulla. Ma se la Roma mi ha chiamato è perché conosce la mia forma di lavorare, non devo cambiare, qui posso essere Monchi".

E il ds giallorosso lavora in maniera puntigliosa: "Nel mio team ci sono molte persone, principalmente impiegate nello scouting. Dividiamo l'anno in due parti: in una vediamo le partite di calcio in generale, nell'altra siamo più concreti e osserviamo i giocatori che abbiamo selezionato".

Concretezza per concretezza si passa agli obiettivi più o meno dichiarati: "La Roma è una società che storicamente ha esigenze molto alte. Un club in cui si percepisce la pressione e la necessità di ottenere grandi risultati. Il mio obiettivo è innanzitutto quello di consolidare un progetto che è già stato vicino a conquistare qualcosa. Devo mantenere questo progetto in alto e dargli una consistenza e uno stile. Ovviamente un mio obiettivo è quello di esaudire il sogno di qualsiasi romanista, che è vincere un titolo. Nella Roma questo non si può eludere: è un obiettivo".

Il ricordo del derby non è lontano e Monchi lo rivive: "Questo l'ho vissuto con più intensità. Posso dire che sto cominciando davvero a viverlo come un derby, anche se ancora un po' mi risulta difficile, perché il mio rapporto con la città non è così intenso come lo è a Siviglia. Chiaramente qui esco di meno, ho meno amici, ho conosciuto meno gente. Nel campo l'ho percepito moltissimo, vedendo come i giocatori celebravano la vittoria e come lo facevano i tifosi. Credo sia simile a quello di Siviglia, perché sono due tifoserie calde. Questo l'abbiamo vinto e quindi bene così, è stata un'esperienza perfetta".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche