Serie A: calendario, programma, orari della 18^ giornata

Serie A
serie-a_getty__4_

La giornata si è aperta con Chievo-Bologna e Cagliari-Fiorentina. Oggi tutti gli altri incontri, con il gran finale alle 20.45: Juventus-Roma. Il Napoli ospita la Sampdoria, l'Inter vuole tornare alla vittoria con il Sassuolo. Per Gattuso il test Atalanta

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 18^ GIORNATA

Ancora una volta la grande incertezza in testa alla classifica ci regala un duello da non perdere: stavolta sarà Juventus-Roma a darci qualche indicazione in più sulla piega che potrà prendere la corsa scudetto. Il Napoli, nel frattempo, ospita una Sampdoria che, prima della crisi di risultati delle ultime giornate, aveva incantato e messo in difficoltà tutte le big. Per l’Inter c’è il Sassuolo, la Lazio aspetta il Crotone, interessante Milan-Atalanta con i nerazzurri che si presentano a San Siro da favoriti, visto il momentaccio della squadra di Gattuso. Il turno di campionato è iniziato di venerdì, con i due anticipi giocati a Verona e Cagliari; oggi tutto il resto della giornata.

LAZIO-CROTONE (sabato 23 dicembre ore 12.30, diretta su Sky SuperCalcio HD e Sky Calcio 1 HD)

Due soli precedenti in A, nella scorsa stagione: in entrambi i casi vinse la squadra che giocava in casa. Allargando il discorso alle squadre calabresi in generale, in 13 confronti all’Olimpico la Lazio non ha mai subìto più di una rete (6 il totale). Quella di Inzaghi è la formazione che va a segno da più giornate consecutive di Serie A: 15 gare di fila con almeno una rete segnata, 39 i gol in tutto sin qui, 10 in più rispetto alla scorsa stagione dopo 16 turni (mai così bene nella storia del club a questo punto del campionato). La Lazio è anche l’unica squadra che può vantare tre giocatori con cinque o più gol segnati: Immobile, Luis Alberto, Milinkovic-Savic. Il Crotone, invece, dopo 10 gare consecutive di campionato con almeno un gol al passivo, è riuscito a mantenere la propria porta inviolata nell’ultimo turno contro il Chievo (vittoria 1-0).

SASSUOLO-INTER (sabato 23 dicembre ore 15, diretta su Sky Calcio 2 HD)

Nemmeno un pareggio negli 8 precedenti tra Sassuolo e Inter: per i neroverdi quattro vittorie e quattro sconfitte, comprese le due più larghe in Serie A (entrambe per 7-0). Nella scorsa giornata il Sassuolo ha ottenuto la seconda vittoria consecutiva per la prima volta in questo campionato: non ne colleziona tre di fila dal finale della stagione 2015/16, striscia chiusa per altro battendo proprio l’Inter in casa. I nerazzurri, invece, hanno subìto tre gol nell’ultimo match contro l’Udinese, tanti quanti ne avevano concessi nelle precedenti sei giornate. Icardi non trova il gol da tre gare di campionato contro il Sassuolo, dopo aver segnato quattro gol nelle due precedenti sfide (inclusa la sua prima tripletta in nerazzurro). L’argentino è a quota 17 reti: a fine girone d’andata da quando la Serie A è tornata a 20 squadre hanno fatto meglio solo Higuain (18 nel 2015/16) e Toni (18 nel 2005/06).

UDINESE-VERONA (sabato 23 dicembre ore 15, diretta su Sky Calcio 5 HD)

Entrambe reduci dal successo sulle due milanesi, Udinese e Verona si affrontano per la 29esima volta in A: nelle precedenti, 10 vittorie per l’Hellas, 8 quella dei bianconeri, 10 i pareggi, risultato che in questo campionato l’Udinese non ha ancora colto. Il 94% dei gol del Verona è arrivato dall’interno dell’area di rigore (16 su 17), percentuale record in questo campionato. L’Udinese, invece, è la squadra che in percentuale ha concesso più reti nel primo tempo in questo campionato: il 60%, 15 su 25. Lasagna ha già raggiunto lo stesso bottino di gol della precedente stagione in Serie A (5); sei gol e due assist per Giampaolo Pazzini contro l’Udinese: contro nessuna squadra ha partecipato a più reti nel massimo campionato.

NAPOLI-SAMPDORIA (sabato 23 dicembre ore 15, diretta su Sky Sport 1 HD e Sky Calcio 1 HD)

La Sampdoria non vince contro il Napoli in Serie A da 12 partite (tre pareggi e nove sconfitte), in cui gli azzurri hanno segnato mediamente 2,6 reti a gara. Il Napoli ha totalizzato 42 punti in 17 giornate: considerando sempre i tre punti a vittoria, in Serie A aveva saputo fare altrettanto solo nella stagione 1987/88, chiusa al secondo posto. La Sampdoria invece ha raccolto un solo punto nelle ultime quattro giornate di campionato, subendo otto gol nel parziale. Anche contro il Torino, la squadra di Sarri ha segnato sugli sviluppi di calcio d’angolo: con sei reti è la formazione che ha segnato più gol in questo modo. Sei (record anche questo) sono invece i gol presi dalla Sampdoria da giocatori subentrati: ultimo quello di Matri la scorsa giornata. Il primo dei 95 gol in Serie A di Marek Hamsik è arrivato contro la Sampdoria nel settembre 2007, partita vinta 2-0: l’ultima volta che ha segnato un gol e fornito un assist nella stessa partita è stato proprio contro i blucerchiati a maggio.

SPAL-TORINO (sabato 23 dicembre ore 15, diretta su Sky Calcio 3 HD)

L'ultima vittoria della Spal contro il Torino in Serie A risale al febbraio 1963: tutte le ultime tre sfide tra le due squadre giocate a Ferrara sono finite 0-0. Dopo tre sconfitte nelle prime cinque gare casalinghe di questo campionato, la Spal è rimasta imbattuta nelle ultime tre; il Torino invece ha perso nell’ultima gara di campionato contro il Napoli dopo una serie di sei partite in cui aveva ottenuto due vittorie e quattro pareggi. Nell’occasione, Belotti ha ritrovato il gol in campionato dopo un digiuno durato ben 856 minuti: ha però mancato l’appuntamento col gol con le altre due neopromosse affrontate in questo campionato (Benevento e Verona).

GENOA-BENEVENTO (sabato 23 dicembre ore 15, diretta su Sky Calcio 4 HD)

Primo incrocio in assoluto tra Genoa e Benevento tra Serie A, Serie B e Coppa Italia. Il Genoa ha raccolto otto punti nelle cinque gare di campionato con Davide Ballardini in panchina, due in più che nelle prime 12 sotto la guida di Ivan Juric; in particolare, ha subìto solo tre gol in queste ultime cinque gare (0.6 di media a match), mentre nelle prime 12 ne aveva concessi 19 (media di 1.6). Il Benevento, invece, ha subìto almeno due gol in otto delle ultime nove giornate di campionato (uno nella rimanente). Scontro tra le due squadre che hanno fatto peggio in casa in questa stagione: appena due i punti ottenuti dal Genoa tra le mura amiche, uno solo per il Benevento. Il Genoa è anche la squadra che in casa ha perso più punti da situazione di vantaggio (11), ma il Benevento ha perso tutte le otto trasferte di questo campionato.

MILAN-ATALANTA (sabato 23 dicembre ore 18, diretta su Sky Sport 1 HD, Sky SuperCalcio HD e Sky Calcio 1 HD)

Atalanta imbattuta contro il Milan da quattro sfide di campionato, con i rossoneri che non segnano alla Dea da tre partite casalinghe consecutive. La squadra di Gasperini è imbattuta nelle ultime quattro partite di campionato, grazie a due vittorie e due pareggi (dopo due sconfitte nelle precedenti tre gare), ma ha vinto solamente una trasferta, l’ultima, contro il Genoa (2-1). L’Atalanta è la squadra di questa Serie A che ha perso più punti da situazioni di vantaggio (13), ma stavolta affronta il Milan che, una volta andato sotto… ha sempre perso (sette volte su sette). Ex-nerazzurri in campo nel Milan: Giacomo Bonaventura, che ha giocato 99 partite con la maglia dell’Atalanta segnando 14 reti, e Franck Kessié, che al termine del girone d’andata della scorsa stagione era già a quota sei reti, mentre in questo campionato è fermo a due (l’ultima a settembre).

JUVENTUS-ROMA (sabato 23 dicembre ore 20.45, diretta su Sky Sport 1 HD, Sky SuperCalcio HD e Sky Calcio 1 HD)

La Juventus ha segnato in 23 degli ultimi 24 confronti con la Roma in Serie A, per un totale di 46 reti: nel parziale per i bianconeri 15 vittorie, cinque pareggi e quattro sconfitte. La squadra di Allegri viene da sei vittorie consecutive in casa contro la Roma, con la porta inviolata in quattro di questi incontri. Miglior attacco contro miglior difesa ma, a differenza delle passate stagioni, stavolta sono i bianconeri a segnare tantissimo mentre i giallorossi hanno blindato la difesa: in ben 5 occasioni hanno vinto 1-0 (nessuno come loro) e non hanno concesso tiri nello specchio in tre partite (altro record). L’ex Pjanic (159 partite e 27 gol con la maglia della Roma) è appena diventato il giocatore con più gol segnati su calcio di punizione diretto (14) negli ultimi 10 anni di Serie A. I giallorossi, invece, attendono il risveglio di Dzeko, che ha segnato un solo gol nelle ultime 10 partite di campionato, dopo che ne aveva realizzati sette nelle precedenti cinque.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche