Cagliari, Barella e i grandi sardi dello sport: "Voglio essere come Zola, Aru e Datome"

Serie A
barella_lapresse

Il giovane talento del Cagliari, in un'intervista alla Gazzetta dello Sport, guarda ai grandi sardi dello sport e fissa gli obiettivi personali e di squadra. Il prossimo: segnare un gol alla Sardegna Arena. "Magari contro il Milan"

CALCIOMERCATO, LE TRATTATIVE DI OGGI LIVE
CAGLIARI, GRUPPO AL COMPLETO IN VISTA DEL MILAN
CAGLIARI-MILAN, LE PROBABILI FORMAZIONI

Giovane, forte. E con le idee chiare. Non solo su quello che vuole diventare in campo, ma anche per ciò che vuole rappresentare fuori. Essere un simbolo, come i grandi sportivi sardi. Nicolò Barella, intervistato su La Gazzetta dello Sport, confessa: "Il mio sogno è diventare un sardo importante nel mondo, proprio come Gianfranco Zola, Fabio Aru, Gigi Datome. Ad Aru ruberei la caparbietà, a Zola tecnica e visione di gioco. A Datome… I centimetri! Scherzo, ho sempre amato il basket e ci ho pure provato. Ma alla fine ho scelto il calcio, anche se a giugno voglio andare a vedere l’NBA e il mio cane si chiama LeBron". Fresco di rinnovo di contratto fino al 2022, il mercato non è nei suoi pensieri sebbene sia nel mirino di diverse big: "Io penso solo a giocare e a migliorare: voglio essere Barella e questa voglia la esprimo quando recupero un pallone in scivolata. Mi fa impazzire, i migliori in questo sono Nainggolan e Allan. Il mercato? Al resto ci pensa il mio procuratore Alessandro Beltrami".

Obiettivi: dal Cagliari alla Nazionale U21

Dai sogni fuori dal campo a quelli in campo: "Il primo gol in A fu un’emozione incredibile, anche se non fu bello. Poi ne feci uno bello al Torino e fu una liberazione: ora ne voglio uno alla Sardegna Arena, magari già contro il Milan". Barella poi parla del rapporto con i suoi allenatori: "Ringrazio Rastelli perché mi ha fatto capire, anche a muso duro, che stavo sbagliando. Grazie a lui ho cambiato mentalità. Lopez? Un leader che ha messo il gruppo prima di tutto. Una delle vere bandiere di Cagliari. Ora vogliamo fare punti anche contro le big: giocando come contro la Juve, ma commettendo meno errori individuali". Capitolo Nazionale, quella maglia che forse potrà farlo diventare davvero importante come i tre sardi nominati sopra: "L’Europeo U21 in casa nel 2019? Siamo una buona squadra e sogno di vincerlo. Anche se arriveranno la Francia di Mbappé e l’Inghilterra di Rashford e non sarà facile".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.