Napoli Lazio 4-1, gol e highlights: De Vrij, poi il poker. Sarri di nuovo in testa

Serie A

Come all'andata, un gol di De Vrij porta subito in vantaggio la Lazio. Al 44' il pareggio di Callejon. Nella ripresa, in due minuti, il Napoli dilaga: al 54' autogol di Wallace, poi Mario Rui (deviato in rete da Zielinski) e Mertens chiudono i conti. Sarri, allontanato nel primo tempo, è di nuovo in testa

RIVIVI NAPOLI-LAZIO MINUTO PER MINUTO

SERIE A, RISULTATI E CLASSIFICHE

L'OMAGGIO DEI COMPAGNI A GHOULAM

LE PAGELLE

NAPOLI-LAZIO 4-1

3' De Vrij (L), 44' Insigne (N), 54' aut. Wallace (L), 56' Mario Rui (N), 73' Mertens (N)

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Tonelli, Koulibaly, Mario Rui; Allan (82' Rog), Jorginho, Hamsik (46' Zielinski); Callejon (85' Maggio), Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri

Lazio (3-5-1-1): Strakosha; Wallace, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Leiva (68' Nani), Milinkovic-Savic, Lulic (61' Lukaku); Luis Alberto (61' Caicedo); Immobile. Allenatore: S. Inzaghi

Ammoniti: Leiva (L), Milinkovic-Savic (L), De Vrij (L)

Allontanato Sarri al 45'

La Juve vola, il Napoli pure. E’ un campionato bellissimo e si vede. Nel big match della 24^ giornata di Serie A, la squadra di Sarri batte 4-1 la Lazio e contro-sorpassa i bianconeri in testa alla classifica. Partita incredibile, come all’andata. I biancocelesti passano in vantaggio con un gol di De Vrij dopo neanche tre minuti. Col passare del tempo, il Napoli cresce e pareggia i conti. Nella ripresa, dal 54’ al 56’, arrivano sorpasso e tris. Al 73’ Mertens ha calato il poker. Nella sera delle sue 100 panchine in campionato con il Napoli, un bel regalo per Maurizio Sarri: anche per dimenticare gli ultimi giorni con il nuovo infortunio a Ghoulam. 63 punti a 62, il testa a testa tra gli azzurri e i bianconeri si preannuncia davvero emozionante. E il San Paolo a fine partita può tornare a cantare "un giorno all’improvviso". Dall'alto dell'ottava vittoria consecutiva, Hamsik e compagni se la giocheranno fino alla fine.

Le scelte

Nella settimana del nuovo infortunio a Ghoulam, che resterà lontano dai campi ancora per diverso tempo, Sarri recupera Mertens e Hysay ma deve fare a meno di Albiol e Chiriches, che non ce la fa. In difesa accanto a Koulibaly, quindi, ecco Tonelli al suo esordio in questa stagione. Gli esterni difensivi sono Hysaj e Mario Rui. Centrocampo confermatissimo con Allan, Jorginho e Hamsik; attaccanti intoccabili: Callejon, Mertens e Insigne. Dopo diverso turnover nelle ultime gare e soprattutto la sconfitta interna contro il Genoa lunedì, Simone Inzaghi schiera tutti i titolari. Nel 3-5-1-1 Wallace, De Vrij e Radu in difesa; Marusic, Parolo, Lucas Leiva, Milinkovic-Savic e Lulic a centrocampo. Luis Alberto, col nuovo look biondo platino a svariare poco dietro l’unica punta Ciro Immobile.
 

De Vrij sblocca subito, poi Callejon

Alla 100^ panchina in campionato con il Napoli, Maurizio Sarri vuol tenere la testa della classifica. Per farlo si affida soprattutto al San Paolo. Passano 2’ e 47’’ però, e il Napoli va sotto. Cross di Ciro Immobile dalla destra, De Vrij interviene con la suola della scarpa spiazzando Pepe Reina: Lazio in vantaggio come all’andata. All’Olimpico sempre l’olandese aveva portato in vantaggio la sua squadra, la gara era finita però 4-1 per la squadra di Sarri. Come questa volta. Il biancoceleste, con il compagno di squadra Bastos e Koulibaly è il difensore che ha segnato di più finora in campionato. La Lazio dimostra subito di approcciare alle gare alla grande: è la squadra che ha segnato di più nei primi 15 minuti di gara. Nella sua stagione incredibile, il Napoli ha invece subito 7 gol nel primo quarto d’ora di partita: solo la Spal di più (8). La squadra di Sarri ha però la forza e l’esperienza per non mollare mai e recuperarle sempre. Così sarà anche stavolta: dopo aver sofferto la fisicità degli avversari per una buona parte del primo tempo al 44’, forse nell’unica disattenzione della difesa della Lazio, il Napoli pareggia i conti. Jorginho pesca Callejon in posizione regolare (sarà verificata con un silent check dal Var), e l’esterno offensivo del Napoli batte Strakosha. Sono minuti concitati quelli in campo nel finale dei primi 45’: Milinkovic-Savic fa un brutto fallo su un avversario, l’arbitro Banti lo ammonisce, ma Sarri si arrabbia e protesta. A quel punto è allontanato dal campo. Il primo tempo finisce sull’1-1.
 

Il Napoli la chiude in 2'

La partita ricomincia con un cambio: al 46’ Zielinski prende il posto di Hamsik. Il capitano azzurro preferisce rimanere in panchina per un mal di schiena. Al rientro, il Napoli ha un altro atteggiamento e si nota subito. In pochi minuti, Insigne ci prova due volte: nella seconda Radu riesce a salvare prima su Callejon, e poi devia un gran tiro dell'esterno sinistro azzurro. Passa pochissimo e arriva il sorpasso. Ancora lo spagnolo va via sulla destra e crossa teso in mezzo, nel tentativo di liberare la sua area di rigore Wallace colpisce e batte Strakosha. Per lui è la seconda autorete in A: la prima è arrivata nell’ottobre 2016 contro il Cagliari. Sarà l’atteggiamento del Napoli, sarà un calo forse fisico della Lazio: ma in campo c’è solo la squadra di Sarri, che intanto, osserva dall’alto i suoi ragazzi e prende appunti. Due minuti dopo Mario Rui tira da lontano al 56’ Zielinski interviene e devia in rete il tiro del compagno (la Lega attribuirà al difensore ex Roma). Il polacco sempre protagonista: prima prova a segnare, nel finale serve un assist delizioso a Mertens: il belga mette a segno la sua quinta rete delle ultime quattro partite. Il Napoli gioca sulle ali dell’entusiasmo e strappa gli applausi sempre più convinti del suo pubblico. La Juve è nuovamente sorpassata. Che bel campionato!
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.