Fiorentina, Lafont si presenta: "Ho grandi ambizioni, per questo sono qui. Donnarumma? Lui è lui, io sono io"

Serie A
lafont_fiorentina

Il nuovo portiere viola si è ufficialmente presentato in conferenza stampa dal ritiro di Moena: "Ho grandi ambizioni e volevo una squadra forte, per questo ho scelto la Fiorentina. Accolto benissimo, spero di fare il massimo"

FIORENTINA, VIA ALLA STAGIONE: C'E' LAFONT

FIORENTINA, PRESO LAFONT DAL TOLOSA

Una nuova avventura al via, Alban Lafont è pronto a misurarsi con la Serie A. Il portiere classe ’99, nuovo acquisto della Fiorentina che lo ha prelevato dal Tolosa, è subito partito in ritiro con la squadra viola, rinunciando alla possibilità di partecipare agli Europei Under 19 con la Nazionale francese. Tanta voglia di iniziare per quello che è stato definito il ‘nuovo Donnarumma’: intervenuto in conferenza stampa dal ritiro di Moena, Lafont si è presentato ufficialmente come nuovo calciatore della Fiorentina. "Sono un giocatore con grandi ambizioni e avevo tanta voglia di misurarmi con una squadra forte – ha detto il giovane portiere -, è per questo motivo che ho scelto la Fiorentina. Mi ispiro ad alcuni portieri francesi, soprattutto Mandanda e Lloris, ma se penso a un modello mi viene in mente anche Buffon, uno dei più grandi portieri di sempre. Quando ho iniziato a giocare facevo l’attaccante, ma pensavo che il ruolo del portiere fosse molto affascinante. Poi è capitato che il mio club, l’AS Lattes, mi ha fatto giocare in porta e da allora non sono più uscito".

Grande gruppo, spero di aiutare a fare meglio dell’anno scorso

Lafont ha poi parlato delle prime impressioni da giocatore della Fiorentina: "Qui c’è un grande gruppo e tutti mi hanno accolto benissimo – ha proseguito -, inoltre in rosa ci sono molti francesi e grazie a questo l’inserimento sarà più semplice. Dabo lo conosco da tempo, mi sta facendo da tutor. Ma tutti mi sono molto vicini e li ringrazio. Adesso sto cercando di imparare l’italiano, la mancata conoscenza della lingua in questo momento può essere un punto debole: devo farcela il più velocemente possibile perché nel mio ruolo comunicare bene è necessario. In ogni caso il mio obiettivo è aiutare la squadra a fare ancora meglio della passata stagione, dando sempre il massimo. Il numero di maglia? Ho iniziato a giocare con il 40 e l’ho portato in tutte le mie esperienze, ma alla Fiorentina vorrei avere il numero 1". In chiusura Lafont ha parlato del paragone con Donnarumma e ha svelato una discussione avuta con Sebastian Frey, ultimo francese a difendere i pali della Fiorentina. "Non conosco personalmente Donnarumma – ha concluso Lafont -, l’ho visto giocare solo in tv e posso dire che è di sicuro un grande portiere. Però io sono io e lui e lui: non mi piace il fatto che mi paragonino a lui, anche se lo ammiro. Frey? Alla Fiorentina ha fatto grandi cose, spero di riuscire a fare lo stesso. Mi ha telefonato e abbiamo parlato, mi ha fatto un ‘in bocca al lupo’".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche