Crollo del ponte Morandi, Genoa e Sampdoria insieme a un mese dalla tragedia

Serie A

Un mese esatto dopo il crollo del Ponte Morandi di Genova, il nostro Riccardo Re ha intervistato Domenico Criscito e Fabio Quagliarella, capitani di Genoa e Sampdoria. Un viaggio all'interno di una città ferita profondamente al cuore

CRISCITO: "ERO SUL PONTE 10 MINUTI PRIMA DEL CROLLO"

IL MINUTO DI SILENZIO DI GENOA E SAMPDORIA A UN MESE DALLA TRAGEDIA

La ferita è ancora aperta. Non potrebbe essere altrimenti, visto che è passato un mese esatto dal crollo del Ponte Morandi. Però Genova prova a ricostruire, ripartendo dalle fondamenta e dallo sport, il calcio, che unisce più che mai al posto che dividere. Niente derby della Lanterna, solo grande umanità e voglia di ripartire. Perché dimenticare è impossibile, ma metabolizzare e uscire dal tunnel è il primo passo per tornare alla normalità. Dal 14 agosto al 14 settembre, un mese esatto dopo Riccardo Re ha intervistato i due capitani di Genoa e Sampdoria, Domenico Criscito e Fabio Quagliarella. Entrambi napoletani, sì, ma ormai (per motivi diversi, con strade diverse) legati in modo indissolubile alla città di Genova.

Le parole di Quagliarella e Criscito

"Ero a casa e all'improvviso mi arriva un messaggio sul ponte crollato. Ci metti un minuto a mettere a fuoco e a capire quello che è successo. Resti incredulo". Così Quagliarella racconta i momenti immediatamente successivi al crollo, comunque meno concitati di quelli di Criscito: "Ero appena passato dal ponte. Sono stato fortunato, io e la mia famiglia saremmo potuti essere tra le macerie. Per tutti i genovesi è cambiato tanto, ci passavano tutti, anche noi calciatori per andare ad allenarci". Quagliarella: "Non fare più quel tratto di strada fa impressione. Quando ci passi vicino o da lontano lo vedi e fa un effetto pazzesco".

Rappresentare la città

"Noi rappresentiamo la città di Genova nel mondo del calcio, dobbiamo essere i primi a far capire che la città soffre ma che reagisce come ha sempre fatto", è il messaggio finale di entrambi i capitani. Che provano a trascinare con il calcio un intero popolo, a prescindere dai colori. Perché in queste situazioni la Lanterna deve illuminare Genova, unendo blucerchiati e rossoblù. Alla ricerca della serenità, a un mese dalla tragedia del Ponte Morandi.

Il minuto di raccoglimento di Genoa e Sampdoria

E a un mese di distanza dal crollo, tutta la città si è fermata a riflettere e soprattutto a ricordare le vittime del tragico crollo del ponte Morandi: alle 11.36 tutti hanno dedicato un pensiero alle 43 vittime, alle centinaia di feriti e alle famiglie sconvolte da una tragedia che ha lasciato segni evidenti anche a 31 giorni di distanza. Anche il calcio ha preso parte a questo momento di raccoglimento: come documentato da Sky Sport 24, il Genoa ha interrotto la sessione d’allenamento, lasciando spazio al rumore di fondo della città, con tutte le campane delle chiese e la sirena del porto a riempire l’aria. La Sampdoria ha condiviso sui social un post nell’ora esatta in cui il pilone centrale del ponte Morandi è crollato: “un minuto di silenzio per far sentire la nostra voce”. Anche i ragazzi di Giampaolo hanno interrotto la seduta di allenamento, dedicando un lungo e commosso momento di raccoglimento a una tragedia che ancora lascia tutti senza parole.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche