Udinese Napoli 0-3: gol e highlights. A segno Ruiz, Mertens e Rog. Ancelotti a -4 dalla Juve

Non sbagliano gli azzurri alla Dacia Arena: la sblocca Ruiz entrato al posto di Verdi, nel finale arrotondano Mertens su rigore e Rog nel 3-0 imposto ai friulani. Udinese sconfitta per la 4^ gara di fila, Napoli che sale a quota 21 punti a -4 dalla Juventus fermata sull'1-1 dal Genoa. La tua squadra in Italia e in Europa? Guardala su Sky anche sul digitale terrestre. Clicca qui

UDINESE-NAPOLI MINUTO PER MINUTO

SERIE A, RISULTATI E CLASSIFICA

UDINESE-NAPOLI 0-3

14' Ruiz, 82' rig. Mertens, 86' Rog

Udinese (4-1-4-1): Scuffet; Stryger Larsen, Troost-Ekong (35' Opoku), Nuytinck, Samir; Behrami (68' Barak); Pussetto, Fofana, Mandragora, De Paul; Lasagna. All. Velazquez

Napoli (4-4-2): Karnezis; Malcuit, Koulibaly, Albiol, Hysaj; Callejon, Allan, Zielinski (85' Rog), Verdi (4' Ruiz); Mertens, Milik (74' Hamsik). All. Ancelotti

Ammoniti: Pussetto (U), Milik (N), Albiol (N), Allan (N), Stryger Larsen (U), Mertens (N)

1 nuovo post

Udinese-Napoli 0-3: gol e highlights | Video Sky - Sky Sport HD

video.sky.itVedi il video 'Udinese-Napoli 0-3: gol e highlights' - Sky Sport HD
- di luca.cassia
FINISCE QUI! IL NAPOLI VINCE 3-0 CONTRO L'UDINESE!
Successo alla Dacia Arena per gli azzurri, avanti in avvio con il neoentrato Ruiz prima delle firme nel finale di gara di Mertens (su rigore) e Rog entrato in campo solo da 40 secondi. Un passivo forse troppo severo per gli uomini di Velazquez al tappeto per la 4^ partita di fila: non perdona invece il Napoli che sale a quota 21 punti a -4 dalla Juventus fermata sull'1-1 dal Genoa
- di luca.cassia
90' - Quattro minuti di recupero alla Dacia Arena
- di luca.cassia
85' - TRIS DEL NAPOLI! HA SEGNATO ROG!
Bastano una manciata di secondi al centrocampista croato per firmare il 3-0! Iniziativa di Mertens che converge dalla sinistra, pallone raccolto da Rog che controlla e trova la conclusione vincente (deviata) che supera Scuffet!
- di luca.cassia
85' - Terzo e ultimo cambio per Ancelotti: Rog prende il posto di Zielinski nel finale di partita
- di luca.cassia
82' - RADDOPPIO DEL NAPOLI! NON SBAGLIA MERTENS!
Impeccabile la trasformazione del belga che spiazza Scuffet e realizza il 2-0 del Napoli!
- di luca.cassia
80' - Colloquio col VAR per l'arbitro Mariani che verifica un'eventuale posizione di fuorigioco di Malcuit, protagonista dell'azione con una splendida discesa in slalom dalla destra. Offside che non c'è, via al calcio di rigore di Mertens
- di luca.cassia
79' - CALCIO DI RIGORE PER IL NAPOLI!
Fuga di Malcuit sulla destra e pallone a rimorchio per Callejon, sinistro respinto col braccio largo da Opoku! Nessun dubbio per l'arbitro Mariani!
- di luca.cassia
75' - Pussetto salva sulla linea sul destro di Zielinski! C'era però una posizione di fuorigioco sulla manovra avvolgente del Napoli, nulla di fatto quando mancano quindici minuti più recupero al termine del match
- di luca.cassia
74' - Secondo cambio per Ancelotti: finisce qui la partita di Milik, inizia quella di Hamsik
- di luca.cassia
73' - Fase del match che difetta di precisione per entrambe le squadre: tanti gli errori in fase d'impostazione, equilibrio che non scalfisce l'1-0 del Napoli targato Ruiz
- di luca.cassia
68' - Secondo cambio per l'Udinese: esce Behrami, dentro Barak ad aumentare il peso specifico offensivo dei bianconeri di Velazquez
- di luca.cassia
67' - Samir chiude in corner con qualche brivido: pallone dalla sinistra di Mertens, il difensore bianconero teme la pressione di Callejon e cicca l'appoggio in calcio d'angolo. Palo esterno per lui, si salva l'Udinese
- di luca.cassia
61' - Koulibaly salva tutto su Lasagna! Sempre pericoloso il centravanti bianconero servito in profondità, fondamentale la chiusura in scivolata del difensore azzurro! Dal corner seguente è sempre il centrale senegalese ad allontanare di testa
- di luca.cassia
59' - Grande intensità in questo avvio di ripresa: ne fa le spese anche Mertens dall'intervento duro su Behrami. Non lo perdona l'arbitro Mariani
- di luca.cassia
58' - Ammonito pure Stryger Larsen che ferma fallosamente Malcuit a centrocampo
- di luca.cassia
57' - Lasagna! Iniziativa dalla sinistra di De Paul che crossa al centro, Lasagna vince il corpo a corpo con Albiol e prepara la conclusione da distanza ravvicinata: fondamentale l'intervento di Karnezis che lo anticipa in tuffo!
- di luca.cassia
56' - Fallo tattico di Allan che stende Mandragora sulla trequarti: il centrocampista brasiliano va ad aggiungersi all'elenco degli ammoniti di Mariani
- di luca.cassia
53' - De Paul stavolta preme sulla sinistra: buona la giocata a disorientare Malcuit, cross al centro per Pussetto che cerca la sponda complice un pallone difficile da indirizzare di testa in porta. Libera la difesa del Napoli
- di luca.cassia
52' - Prova a inventare De Paul che si allarga sulla destra per cercare il varco giusto: Napoli ben messo in campo e in controllo del match anche in questo avvio di ripresa
- di luca.cassia

Rallentano Juventus e Roma, non sbaglia il Napoli di Ancelotti. Squadra dalle tante identità quella di Carletto, bravo a mescolare le carte e calare gli assi vincenti: la sblocca Fabián Ruiz entrato in avvio per l’infortunio muscolare di Verdi, la chiude dopo 40 secondi dal suo ingresso Rog nel finale di gara. Di mezzo il rigore trasformato da Mertens e una prestazione convincente, quella che vale quota 21 punti in classifica a -4 dalla Juventus capolista fermata dal Genoa. Senza l'imprescindibile Insigne e con l’ennesima formazione mai vista al fischio d’inizio, Ancelotti centra la seconda vittoria di fila e si avvicina al meglio all’incrocio in Champions League contro il PSG.

Fabián Ruiz, asso dalla panchina

Napoli dai mille volti, altro non fosse che alla Dacia Arena si affaccia l’ennesimo undici inedito: merito della gestione totale della rosa da parte di Ancelotti, scelte agli antipodi con l’integralismo sarriano votato agli stessi fedelissimi. Fuori Insigne dal riposo precauzionale verso il PSG, Carletto conferma il 4-4-2 infarcito di ex (Karnezis, Allan e Zielinski) oltre al tandem Milik-Mertens. Vecchie conoscenze pure in casa Udinese con capitan Behrami, leader chiamato a riscattare i tre ko di fila. Napoli che in realtà cambia nuovamente fisionomia dopo quattro minuti complice l’infortunio muscolare di Verdi: a subentrare è Fabián Ruiz, spagnolo come Callejon due volte al tiro senza fortuna. Precisione che invece non manca all’ex Betis, affare estivo da 30 milioni di euro, che al 14’ si traveste da Insigne e sblocca il match: male la difesa bianconera nel disimpegno, ottimo il destro a giro "alla Insigne" (lui che è mancino) che non lascia scampo a Scuffet. Si tratta del 5° gol azzurro nei primi 15 minuti di partite in campionato, partenza sprint ribadita ad Udine. Padroni di casa che replicano con De Paul e soprattutto Lasagna, fermato in due tempi da Karnezis. Meglio la formazione di Ancelotti per intensità e gestione del match, supremazia legittimata dalla coppia Zielinski-Mertens (vicini al raddoppio per questione di centimetri) oltre a Milik, doppio tentativo a distanza ravvicinata. Gli uomini di Velazquez pungono con gli strappi di Lasagna e le intuizioni di De Paul, slanci che non valgono l’1-1 all’intervallo.

La chiudono Mertens e Rog

Napoli in controllo pure in avvio di ripresa, tuttavia l’Udinese si rivela più intraprendente sul solito asse De Paul-Lasagna: l’argentino inventa muovendosi sulle fasce, il centravanti della Nazionale trova invece le chiusure di Karnezis e Koulibaly sul più bello. Grande intensità in campo (tre ammoniti in altrettanti minuti tra il 56' e il 59') e qualche brivido per la Dacia Arena sul disimpegno di Samir che, terrorizzato dalla presenza di Callejon alle sue spalle, si rifugia in corner scheggiando il palo esterno. Troppi errori in impostazione da entrambe le parti, amnesie che gli ingressi di Barak ed Hamsik sono chiamati a vanificare. In realtà a confezionare il raddoppio azzurro sono Malcuit (ottima fuga sulla destra) e Callejon respinto col braccio in area da Samir: dal dischetto non sbaglia Mertens, gol numero 71 in A per lui (93 i centri totali) e partita in ghiacciaia. Chi trova il tempo per ritagliarsi il 3-0 è Rog in campo solo da 40 secondi, ennesima dimostrazione che le rotazioni di Ancelotti giovano a chiunque. Soprattutto al Napoli che riduce il distacco dalla Juve e si avvicina nel modo migliore alla trasferta di Parigi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche