Fiorentina, Veretout: "Non siamo in crisi. Battere la Juve? Servirebbe una pozione magica"

Serie A

Il centrocampista francese ha parlato in esclusiva a Sky Sport a pochi giorni dalla sfida contro la Juventus: “Firenze mi ha fatto capire fin da subito l’importanza di questa partita. Loro fortissimi, per batterli servirebbe una pozione magica”. Poi sul momento della Fiorentina: “No, non siamo in crisi. Non vinciamo da tanto tempo, ma questo sarà uno stimolo per sabato”

FIORENTINA-JUVENTUS LIVE

FIORENTINA-JUVE, TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

JUVE, INFORTUNATO ALEX SANDRO

La vittoria manca da una vita, dal 30 settembre scorso. Dopo il 2-0 (con polemica) sull’Atalanta al Franchi, sono arrivate sei partite senza successo. La sconfitta con la Lazio prima, i pareggi con Cagliari, Torino, Roma, Frosinone e Bologna poi.
A Firenze sabato arriverà la Juventus, non il migliore avversario possibile per tornare a sorridere. Anche se la rivalità storica con i bianconeri farà salire alle stelle entusiasmo e adrenalina, proprio quello che serve alla squadra di Pioli. Che al centro del campo potrà contare su Jordan Veretout. Il centrocampista francese fa parte degli intoccabili. Sempre in campo da quando è tornato dalla squalifica di inizio campionato, undici presenze su altrettante convocazioni partendo dal 1’. Tre i gol collezionati, dieci quelli della stagione scorsa. A lui il compito di caricarsi la Fiorentina sulle spalle per una reazione.

Sulla partita contro la Juventus

“Fin dal primo momento in cui ho messo piede a Firenze, i tifosi mi hanno fatto capire quanto sia importante la partita contro la Juventus – ha commentato Veretout in esclusiva a Sky Sport – per noi sarà molto difficile, perché loro sono fortissimi e con Ronaldo lo sono diventati ancora di più. Possono vincere tutto, dal campionato alla Champions. Noi dovremo mettere in campo tutte le nostre carte migliori”

Se la Fiorentina è in crisi

“No, non lo siamo – specifica il francese – non vinciamo da molto tempo, ma abbiamo sempre fatto delle buone gare. Il fatto che non riusciamo a vincere da sei turni è uno stimolo in più per tornare ai tre punti quanto prima”

Se c’è un segreto per battere la Juventus

“Mah, proveremo a preparare una pozione magica per superarli – ha commentato con il sorriso – un gol proprio contro di loro? Beh, sarebbe davvero magico. Ma segnare non è la mia preoccupazione principale, non mi interessa. L’importante è vincere, poi può deciderla chiunque, anche un difensore”

Sul suo rapporto con Firenze e su Chiesa

“Qui in città la gente mi paragona ad un gladiatore e questo mi piace. Mi rappresenta, amo battagliare sul campo. Chiesa? La fascia di capitano che ha indossato a Bologna sicuramente sarà uno stimolo in più per lui. I tifosi lo chiamano il “figlio della città” e questo la dice lunga sul legame che c’è fra lui e Firenze. E' giovane, ha ottime qualità ma può migliorare ancora”
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche