Juventus, eguagliata miglior partenza di sempre in Europa dopo 15 giornate: 43 punti. Record in Serie A

Serie A

14 vittorie e un pareggio. I bianconeri continuano a lasciare nulla o quasi per strada ed eguagliano il primato di punti raccolti dopo 15 giornate: 43. In Europa non è la prima volta, ma in Serie A è record

JUVE-INTER: HIGHLIGHTS E CLASSIFICA

MANDZUKIC STENDE L'INTER, LA JUVE VOLA A +11

ALLEGRI: "MANDZUKIC È UNO DA TRIPLETE"

La gioia e il rimpianto. La prima per aver battuto un'altra big come l'Inter e aver dato l'ennesimo segnale al campionato. Il secondo per quella leggerezza contro il Genoa che, se evitata, avrebbe impedito il pari di Bessa e la prima e unica X su un percorso netto. Anzi, nettissimo. Che va ad unirsi all'altro perentorio cammino in Champions, con l'unica battuta d'arresto subita contro il Manchester United per un black-out nei minuti finali. Al primo errore la Juve non fa mai seguire un altro errore, ma solo risposte. È successo in Europa, con la vittoria casalinga ai danni del Valencia, ed è successo in Serie A dove, dopo il pari contro i rossoblù, i bianconeri hanno ripreso a collezionare successi. Sei per la precisione - compreso l'ultimo inflitto alla squadra di Spalletti -, che fanno 14 in campionato, per un totale di 43 punti. Un ruolino di marcia impressionante, mai visto in Italia. I ragazzi di Allegri si fanno subito sentire in area avversaria, producendo ben 12 conclusioni nel solo primo tempo, dato che in un derby d'Italia non si vedeva dal 2004-05. Alla fine è un colpo di testa di Mandzukic a decidere l'incontro, gol grazie al quale la Juve registra un vero e proprio record per la miglior partenza in Serie A dopo le prime 15 giornate, battendo un precedente primato detenuto da lei stessa. Nel 1949-50, infatti, la formazione allora allenata dall'inglese Carver frenò per due volte nei primi 15 turni, pareggiando contro Atalanta e Como. Era l'epoca dei due punti a vittoria, mentre nell'era dei tre punti il record apparteneva sempre ai bianconeri, ma guidati da Antonio Conte nel 2013-14. In quella stagione fu proprio l'Inter a fermare per prima la Juve, ma il colpo del ko le fu inflitto dalla Fiorentina, trascinata da Giuseppe Rossi.

Eguagliato record europeo

Se in Italia nessuno era mai stato capace di raccogliere 43 punti dopo le prime 15 giornate, lo stesso non si può dire per gli altri principali campionati europei. 14 vittorie e un pari, infatti, bastano per la Juve solo a eguagliare il primato già registrato in Liga, in Premier League e in Ligue 1. In quest'ultimo torneo la partenza a razzo è di recente memoria visto che è stata compiuta dal Psg proprio quest'anno. I parigini hanno ottenuto 14 successi di fila (altro record), trovando il primo pareggio contro il Bordeaux e non andando poi oltre il 2-2 a Strasburgo nella 16^ giornata. L'anno scorso, invece, è stata la volta dei Citizens di Guardiola, altra formazione in grado di infrangere record su record Oltremanica a suon di vittorie, punti e gol. Nel girone d'andata un solo mezzo passo falso, arrivato al secondo weekend di campionato per via del talento infinito di Wayne Rooney. La prima squadra a battezzare questo primato è stato, infine, il Barcellona (se non si considera nell'era dei due punti e della vecchia First Division lo stesso score del Tottenham) versione 2012-13, il primo post Guardiola. Sulla panchina, infatti, c'era Tito Vilanova e i blaugrana effettuarono lo stesso straordinario percorso poi replicato dal City, ovvero un girone quasi perfetto. Un solo pari, quello con il Real Madrid: un 2-2 spettacolare deciso dalle doppiette di Messi e Cristiano Ronaldo. Lo stesso CR7 che ha partecipato al record della Juve e che, nonostante sia rimasto a secco contro l'Inter, rimane il re dei gol nel 2018 nei principali campionati europei, con 32 centri.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche