Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
25 dicembre 2018

Spalletti: "Nainggolan salta Inter-Napoli perché le regole vanno rispettate. Ma non è sospeso a lungo termine"

print-icon

A poche ore dal big match contro il Napoli, l'allenatore nerazzurro ha parlato in esclusiva a Sky della sospensione di Nainggolan, del "nuovo" Icardi e della sfida contro Ancelotti

INTER-NAPOLI LIVE

SERIE A, CALENDARIO E ORARI DELLA 18^ GIORNATA

Sky Calcio: Serie A TIM 7 partite su 10 ogni turno

Il caso Nainggolan, sospeso dalla società con un comunicato stampa. Ma non solo. Nel giorno di Natale, a poche ore dal big match contro il Napoli, Luciano Spalletti parla proprio del caso che ha coinvolto il centrocampista belga: "Sicuramente mi dispiace, perché è un giocatore molto forte, che ci può dare veramente dei vantaggi all’interno del gioco di squadra. È chiaro che le regole nel calcio sono importanti quanto il pallone. È un provvedimento che riguarda solo questa partita, lui non è sospeso a lungo termine. Per le successive si vedrà. Però purtroppo poi all’interno dello spogliatoio, di un gruppo, di una squadra io debbo prendere delle decisioni e far rispettare il regolamento". L’allenatore nerazzurro, però, ne è sicuro: il Ninja reagirà: "Mi aspetto una reazione corretta, perché il ragazzo è uno che capisce. Ha capito di aver sbagliato, si sta allenando in maniera corretta, verrà in ritiro insieme a noi. Vive la partita con noi, ma sicuramente non potendola giocare".

La sfida contro il Napoli e Ancelotti

Il Napoli è la squadra che l’Inter dovrà provare a prendere? "In questo momento sì. Mancano ancora moltissime partite, c’è la possibilità di ribaltare qualsiasi posizione di classifica. Ed è chiaro per quello che abbiamo fatto, per quello che è la reale classifica, noi dobbiamo guardare loro, dobbiamo provare a prendere loro. In questo giorno di chi andare a prendere però, sono stati fatti anche dei passi avanti. Siamo terzi in classifica, ci sono tante squadre forti in questo campionato". Particolarmente interessante poi la sfida contro Carlo Ancelotti, con Spalletti in vantaggio negli scontri diretti: "Sarà stimolante, perché lui è veramente se non il più bravo, uno dei più bravi a livello mondiale. A livello italiano di sicuro. Tutti dicevano che sarebbe stato l’allenatore ideale per la nostra nazionale, e io questo lo condividevo perché l’esperienza che ha lui ce l’hanno in pochi. Ha questo modo di fare sempre molto sereno, molto equilibrato e penso sia la sua forza. Lo trasferisce alla squadra, lui ha saputo mettere insieme quella che era la qualità di Sarri più dandogli dentro un po’ di sua esperienza".

Senza Nainggolan, l’importanza di Perisic

Abbiamo ritrovato Perisic? "Un calciatore che ha quei numeri, arrivare alla partita di metà campionato dove ancora gli mancano molti gol, un po' di tensione, un po' di nervosismo glielo crea. Si sa che poi in questo calcio qui diventa fondamentale il viverle con tranquillità le situazioni perché quello che ti fa sbagliare è proprio la tensione che viene creata intorno al calcio. Quello di non sopportare questa forza che ha il club, questo passato che ha il club e ti viene richiesto subito di rimetterla a posto e di andare a ripercorrere quello che hanno fatto i calciatori precedenti. Non è facile e a volte crea un po’ di nervosismo".

Un nuovo Icardi

"Abbiamo disperso qualche cosa in funzione dei gol – aggiunge Spalletti -, di quelli che gli sono vicini. Dobbiamo farne qualcuno in più. Poi però ci sono dei segnali: stiamo progredendo sotto l’aspetto del suo comportamento personale perché viene più a legare il gioco di squadra, viene più in trequarti a palleggiare e di conseguenza a creare buco sulla linea difensiva, superiorità in mezzo al campo. Calciatore più intelligente che sa ascoltare e naturalmente va poi a mettere in atto le cose che ritiene più giuste. È una cosa corretta che sta facendo e ne troverà benefici”.

Mercato di gennaio

Ci saranno opportunità? "Sono convinto di avere a che fare con un gruppo forte, con dei calciatori che possono andare a soddisfare i discorsi iniziali. Non penso sia possibile andarli a sostituire e trovare di meglio in questo mercato qui. Vanno lasciati lavorare tranquilli, io ho fiducia in loro e la squadra può fare qualcosa di meglio di quello che ha fatto fino ad adesso. Io come gestione, loro come individualità soprattutto da un punto di vista caratteriale, di poter portare a termine quello che gli viene richiesto"

Cosa cambierebbe della stagione finora?

"Non è che possiamo fare retromarcia. È inutile andare a rimettere qualcosa nella testa dei calciatori che ricrea ulteriore tensione. Abbiamo ancora molta strada davanti, abbiamo una competizione importantissima come l’Europa League. Abbiamo la classifica: assolutamente dobbiamo essere tra le prime quattro quando saremo all’ultima giornata. C’è la Coppa Italia, ci sono queste sfide che anche nei giorni di festa chiamano 65mila tifosi a vedere la partita. È la certificazione dell’amore che hanno verso questi colori. Sfideremo una squadra che sa giocare a calcio. Che aveva quella forza di venirti sempre a prendere con Sarri, ora ha anche l’esperienza di Ancelotti addosso. È una squadra sulla quale il Napoli ha lavorato per quattro o cinque anni. Noi dobbiamo andare a fare questa partita sereni, ce la possiamo giocare. Naturalmente dobbiamo essere lucidi nella partita. Non portare quelle tensioni anche dell’ultimo risultato mancato. Questo vorrebbe dire andare ad affrontare delle giocate con un po’ di tensione. Ed essere più soggetti a sbagliare".
 

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi