Napoli-Lazio, Ancelotti: "Milik? Serviva solo pazienza. Nonostante le assenze, sembrava non mancasse nessuno"

Serie A

Carlo Ancelotti commenta con soddisfazione la vittoria sulla Lazio, arrivata grazie al gol ritrovato da Callejon e ad un'altra perla di Milik. Sul polacco: "Bisognava solo aspettarlo, può ancora migliorare". Mentre, sulla lotta con la Juve: "Non ci poniamo obiettivi a lungo termine, vedremo cosa succederà"

NAPOLI-LAZIO 2-1, AZZURRI A -6 DALLA JUVE: GOL E HIGHLIGHTS

CALCIOMERCATO LIVE: TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

Stesso punteggio dell’andata, il Napoli batte la Lazio 2-1 e ricomincia da una vittoria dopo la sosta. In attesa del match della Juventus contro il Chievo, ora gli azzurri sono a 6 punti dalla vetta. Carlo Ancelotti, ai microfoni di Sky Calcio Club, ha commentato così la gara: "Abbiamo fatto bene soprattutto nel primo tempo, forse potevamo gestire meglio alcuni momenti di difficoltà ma abbiamo dimostrato qualità. Avevamo tante assenze, eppure sembrava non mancasse nessuno. La nostra è una rosa tale da gestire benissimo tutte e tre le competizioni". Ancelotti si sofferma poi sui singoli, a partire dall’ormai ritrovato Milik: "Può solo migliorare con la continuità che ha in questo momento. È stato fermo per parecchio tempo, era inevitabile aspettarlo un po’ e ora ha un rendimento di altissimo livello: servivano soltanto tempo e pazienza". Non solo Milik però, dopo un girone senza reti si è sbloccato Callejon: "La nuova posizione ne limita un po’ gli inserimenti – spiega Ancelotti – ma al di là dei gol fatti resta un giocatore molto bravo e tatticamente molto utile".

"La Juve? Niente obiettivi a lungo termine, vedremo cosa succederà"

Chi si è inserito molto bene nei meccanismi del nuovo Napoli di Ancelotti è Fabian Ruiz: "Ultimamente l’ho schierato centrale, dopo che aveva giocato tanto sul centrosinistra: vede bene il gioco e non si preoccupa nella gestione della palla sottopressione. E poi si inserisce velocemente e crea superiorità, è un centrocampista moderno. Hamsik deve preoccuparsi? No, perché continueremo a ruotare: non ci sarà una squadra titolare. Abbiamo tanta qualità, stasera abbiamo dimostrato che possiamo fare di più". Ancelotti risponde anche a chi lo ha paragonato a Sacchi: "Non voglio essere paragonato a lui, resta una leggenda per il modo in cui ha innovato il calcio italiano. Io cerco di adattarmi". Infine, un commento sulla sfida alla Juventus per lo scudetto: "Non ci poniamo obiettivi a lungo termine. Ora pensiamo al Milan, siamo con la testa lì. Vedremo cosa succederà".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport