Lazio-Empoli, Inzaghi: "Gruppo che non molla mai. Caicedo professionista esemplare"

Serie A

L’allenatore biancoceleste soddisfatto dopo la vittoria sull’Empoli: “Gruppo maturo, che sa soffrire e che non molla mai. Caicedo? Professionista esemplare. Sul rigore si è preso una bella responsabilità, ma mi dà sempre risposte positive”. Poi Lulic: “Se continuiamo così, andremo lontano”

LAZIO-EMPOLI, LA DECIDE ANCORA CAICEDO

SERIE A, TUTTE LE NEWS DAI RITIRI

LAZIO: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

Seconda vittoria consecutiva per la Lazio che, dopo le due sconfitte con Napoli e Juve, batte Frosinone ed Empoli. Al momento la classifica dice quarto posto, a due punti dall’Inter terzo e ad altrettante lunghezze di vantaggio sul Milan, che cercherà di recuperare la posizione battendo a San Siro a Cagliari. Senza Immobile e Luis Alberto, ad essere decisivo è stato Caicedo, al suo quarto gol in stagione: “Abbiamo vinto le ultime due partite per 1-0 e lui è risultato decisivo in entrambe le occasioni – ha spiegato Simone Inzaghi a Sky Sport dopo la vittoria sull’Empoli – l’anno scorso subiva qualche occasione secondo me ingiusta, ma ho chiesto fin da subito alla società di poterlo portare con me. Questo perché è un professionista esemplare, quando lo chiamo in causa so che mi darà le risposte che voglio. Sostituire Immobile non è semplice, così come non lo era giocare con questa intensità dopo i 120’ di San Siro in Coppa Italia”. Chiosa anche sul rigore, in occasione del quale sul dischetto si era presentato più di qualche giocatore della Lazio: “I nostri rigoristi sono Immobile e Luis Alberto, poi subito dietro arrivano Lulic, Correa, Romulo e Caicedo, con quest’ultimo che in mattinata mi aveva detto che se la sarebbe sentita nel caso in cui si fosse presentata l’occasione. Si è preso una bella responsabilità”.

“Gruppo che non molla mai. Immobile con il Siviglia ci sarà”

Insomma, al momento la Lazio vede la Champions. E lotterà per il traguardo europeo fino all’ultima giornata: “Cosa devono temere le nostre concorrenti? Il gruppo, che sa soffrire tutto insieme fino alla fine. Nonostante le difficoltà e gli acciacchi, i ragazzi ce la mettono tutta. Chi gioca meno riesce a dare risposte positive, cambiamo gli interpreti senza problemi. Anche all’andata, dopo i due ko con Napoli e Juve, avevamo vinto per 1-0 con Frosinone ed Empoli. Questo è una segnale di maturità”. Tre punti arrivati al termine di una partita in cui, però, è arrivata qualche sofferenza di troppo: “Il primo tempo è stato fatto bene – ha ribadito Inzaghi - dovevamo fare almeno un gol in più fra le due occasioni di Correa, quelle di Milinkovic e Caicedo. Nella ripresa abbiamo perso un po’ di lucidità e ci siamo allungati, anche se non ricordo parate di Strakosha. L’Empoli è una squadra brava ad attaccare, ma siamo stati bravi a soffrire senza incassare nulla. Vittoria sofferta, come lo sono tutte in A, ma abbiamo raccolto sei punti importanti per la nostra classifica. E’ stata la terza partita in sei giorni. I giocatori erano un po’ acciaccati, qualcuno chiedeva il cambio. Ho detto stringere i denti e devo fare loro i complimenti”. Adesso il Siviglia. Obiettivo? Recuperare gli infortunati: “Immobile penso che rientrerà, così come Luis Alberto e Parolo. Da valutare Milinkovic e Caicedo, che hanno chiesto il cambio. Anche Correa, che ha giocato con una fasciatura importante. Ma adesso abbiamo una settimana di tempo per recuperare”.

Lulic: “Vittoria che vale tanto. Così andremo lontano”

A parlare nel post gara sempre a Sky Sport anche Senad Lulic: “Vittoria che vale tanto – ha detto l’esterno biancoceleste - venivamo da partite ravvicinate, adesso ci godiamo sette giorni per preparare al meglio il match contro il Siviglia. Tanti errori? In partite come quelle contro Frosinone ed Empoli l’importante è il risultato, domani nessuno si chiederà come abbiamo vinto. Con la Juve abbiamo giocato bene, ma alla fine abbiamo perso”. Chiosa finale sulla rosa allargata, con chi gioca meno che riesce comunque a dare il proprio contributo: “Questo è molto importante – ha concluso Lulic - giocare ogni tre giorni è dura. Ci seguono tutti e ci danno una grande mano. Continuiamo così e andremo lontano”.
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport