Serie A, Var in Genoa Atalanta ko. Gasperini: "Arbitri si sono scusati per il rigore"

Serie A

L’allenatore dell’Atalanta ha commentato così l’assegnazione del rigore nella sfida col Genoa: "Sembrava che il VAR non funzionasse e Percassi me l’ha confermato. C’erano immagini chiarissime che mostrano come il contatto non ci sia, gli arbitri si sono scusati"

GENOA-ATALANTA 1-2, GOL E HIGHLIGHTS

ROMA-SASSUOLO LIVE

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

Un finale movimentato, che ha premiato l’Atalanta di Gian Piero Gasperini. I bergamaschi, contro il Genoa, sono riusciti a rispondere al momentaneo pareggio di Criscito su rigore per un fallo inesistente, grazie alla prodezza di Zapata in extremis. "Devo dire, e mi permetto perché gli arbitri si sono scusati per questo episodio, perché sembrava che il VAR non funzionasse, me l’ha detto Luca Percassi (l’amministratore delegato dell’Atalanta, ndr). Pare che sul rigore non ci sia stato un funzionamento corretto, quindi l’arbitro ha fischiato sulla base di ciò che ha visto ma ci sono immagini chiarissime che confermano come non l’abbia nemmeno sfiorato. Il rigore poteva cambiare il risultato, ci avrebbe fatto arrabbiare perdere così due punti importanti" ha detto l’allenatore dei nerazzurri al termine della partita. In effetti a quanto è stato possibile ricostruire i Var hanno dovuto lavorare con un numero ridotto di telecamere a causa di un danno provocato dai lavori in corso allo stadio Ferraris, e che sul rigore per l'Atalanta non fosse disponibile l'immagine che avrebbe tolto ogni dubbio sul mancato contatto.

Le ultime su Muriel

Nel finale di gara si è infortunato al ginocchio Luis Muriel, rimasto in campo nonostante zoppicasse vistosamente. Per fortuna, il problema fisico non sembra grave: "Si è girato leggermente il ginocchio sinistro, non sembra un infortunio importante, ma dobbiamo valutare nella giornata di domani. Non sembra sia grave, ma anche se fosse di pochi giorni salterà comunque due o tre partite visto che giochiamo la Champions League".

I più letti