Napoli, Malcuit: "Vogliamo vincere tutto. Inter-Juve? Non mi interessa"

Serie A

Il terzino del Napoli non si nasconde e, ai microfoni di Sky Sport, spiega: "Non pensiamo solo al campionato, ma a tutte le competizioni. Non mi interessa Inter-Juve, ciò che contano sono i tre punti contro il Torino"

TORINO-NAPOLI LIVE

NAPOLI, CHIARIMENTO ANCELOTTI-INSIGNE

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

57 minuti nell'ultima partita in casa del Genk, altri 90 nella trasferta di campionato a Lecce. È il (magro) bottino raccolto fin qui da Kevin Malcuit, scavalcato per ora nelle gerarchie da Hysaj e Di Lorenzo. Il francese naturalizzato marocchino, però, non teme la concorrenza ed è pronto a ritagliarsi il suo spazio. "Ho un buon legame con entrambi - ha raccontato il giocatore del Napoli in esclusiva ai microfoni di Sky Sport -. Quello che il mister decide per la squadra va bene. Con Ancelotti ho un ottimo rapporto, va tutto alla grande. Lui sceglie il meglio per la squadra e poi, come si dice, 'piano piano'...". L'ex Lille non si pone limiti e non mette paletti neanche alle ambizioni del Napoli. "L'anno scorso siamo arrivati secondi, è andata così - ha aggiunto il terzino -. L'obiettivo questa stagione non è il campionato, ma tutte le competizioni. Possiamo combattere dappertutto perché siamo una grande squadra, con un grande allenatore, e ce la giochiamo ovunque: Champions League, Coppa Italia e Serie A. La prossima partita sarà contro il Torino e sappiamo che sarà difficile, perché è una buona squadra. Toccherà a noi fare il nostro lavoro e prenderci i tre punti in palio perché saranno fondamentali e conteranno solo quelli. Inter-Juve? Non mi interessa onestamente come finirà, ciò che importante per noi è solo la sfida con il Toro".

"Abbiamo bisogno di Insigne. Mertens? Spero batta record di Maradona"

L'intervista, infine, si è soffermata sui singoli: "Insigne è il nostro capitano, quindi è importante che torni a trasmetterci la sua gioia - ha concluso Malcuit -. Abbiamo bisogno di appoggiarci a lui perché questo è il suo ruolo. Mertens? È un grande amico, una grande persona, un gran signore e, ovviamente, un grande giocatore. Gli auguro di passare il record di Maradona, mi farebbe piacere perché è uno che pensa molto alla squadra. Tutti i traguardi che raggiunge sono meritati e io sono contento per lui". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche