Napoli, Koulibaly tra mercato e lotta scudetto: "Resto e vinco qui"

Serie A

Il difensore senegalese parla dal ritiro della sua nazionale: "Il mio avvio di stagione non è stato dei migliori, ma è nell’insieme che dobbiamo crescere. L'obiettivo resta lo scudetto, la Juventus è ancora la squadra da battere. Mercato? Il mio unico obiettivo è vincere con il Napoli"

KOULIBALY E IL PROBLEMA RAZZISMO

HAMSIK: "NON ESCLUDO UN RITORNO AL NAPOLI"

DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY: LA GUIDA

L'avvio di stagione, con l'autogol decisivo nella sconfitta di Torino contro la Juventus e l'espulsione contro il Cagliari, non è stato dei migliori, ma Kalidou Koulibaly è sereno: dal ritiro della nazionale senegalese, il difensore del Napoli rilancia la corsa agli obiettivi stagionali e conferma la sua volontà di restare a lungo in azzurro.

"Obiettivo scudetto. Voci di mercato? Voglio solo vincere a Napoli"

La classifica vede il Napoli a quota 13 punti, a -6 dalla Juventus capolista, ma per Koulibaly, con 31 partite di campionato ancora da giocare, c'è da stare tranquilli: "Il nostro obiettivo resta lo scudetto, anche se quest’anno sarà ancora più difficile, perché tutte le squadre si sono rinforzate e la competitività del campionato è aumentata. La squadra da battere, comunque, resta sempre la Juventus" è la tesi del numero 26, in Italia dal 2014. Un campionato in cui il 28enne senegalese si vede ancora a lungo. "Mercato? Sono abituato alle voci, ogni tanto ne viene fuori qualcuna – spiega - in questo momento il mio obiettivo è vincere col Napoli, del resto non m’interessa molto, mercato compreso". La convinzione è che la condizione stia migliorando di settimana in settimana: "Non siamo partiti bene, ma adesso dobbiamo migliorare e avvicinarci alla Juventus. Il mio avvio di stagione non è stato dei migliori, ma è nell’insieme che dobbiamo migliorare per continuare l’inseguimento alla vetta. La Champions? Vogliamo qualificarci agli ottavi il prima possibile. Dopo la vittoria contro il Liverpool, abbiamo pareggiato con il Genk e questo ci dispiace".

I più letti