Milan, Galliani: "Avrei voluto Conte, Sarri e Icardi in rossonero"

Serie A

L’ex amministratore delegato del Milan, attualmente al Monza, ha svelato alcuni retroscena: "Ho corteggiato a lungo Conte e sono stato vicino a Sarri. Se fossi rimasto ai rossoneri avrei provato a prendere Icardi: è un attaccante straordinario"

Trentuno anni di Milan, poi il progetto ambizioso di portare il Monza nel calcio che conta: Adriano Galliani continua ad essere una presenza importante nel mondo del calcio. Ospite di Tiki Taka, il dirigente ha parlato del momento attuale dei rossoneri, a cominciare dalla suggestione Ibrahimovic: “Ho un bellissimo ricordo di lui, se è in forma è ancora un fenomeno. Non è giusto che io parli del Milan, è gestita da un presidente che è mio amico e tra i dirigenti ci sono due monumenti come Maldini e Boban. Spero che possa riprendersi, ma non è gusto che ex dirigenti sputino nel piatto dove hanno mangiato. In passato ho corteggiato a lungo Conte e sono stato vicino a Sarri. Se fossi rimasto al Milan avrei provato a prendere anche Icardi, è un attaccante straordinario. Giampaolo lo volevo nel 2016, ma i cinesi preferivano Montella e alla fine l'hanno spuntata loro: va bene così, con lui abbiamo vinto il nostro ultimo trofeo”. Galliani ha quindi analizzato la corsa a due per la vetta della classifica: "Conte ha ragione quando dice che senza l'Inter la Juve avrebbe già vinto il nono scudetto di fila. Ormai è l'unica squadra che può contendere la vittoria ai bianconeri".

Il Milan del passato

La Juve attuale porta a fare tanti paragoni col Milan del passato. La situazione di Dybala e Higuain, prossimi alla cessione in estate e ora punti di forza, ha ricordato un caso analogo: "All'epoca avevo venduto Serginho e Boban, che alla fine sono rimasti e hanno fatto bene: il mercato è così. La sostituzione di Ronaldo? Mi ricorda quando Sacchi teneva fuori Van Basten e su come reagiva mi avvalgo della facoltà di non rispondere...". Il ricordo più bello è ancora vivido nella mente di Galliani: "La prima Champions vinta non si scorda mai: Milan-Steaua Bucarest a Barcellona, in uno stadio tutto rossonero. Ricordo l'euforia della gente, c'erano migliaia di tifosi per le strade. Spero che Daniel Maldini possa fare come suo papà Paolo e suo nonno Cesare e alzare anche lui una Champions".

Sì al VAR

Il VAR è una delle innovazioni più importanti degli ultimi anni. "Dopo il gol di Muntari che non fu assegnato sono assolutamente favorevole ad ogni tipo di tecnologia legata al calcio. Di certo è uno strumento che va migliorato, ma ora si hanno più certezze e meno sospetti. Non si può tornare indietro. Sono felice anche del fatto che sarà presente in Serie B dall’anno prossimo: le persone così sono più tranquille" ha proseguito Galliani.

Galliani e il Monza

"Sono nato e cresciuto a Monza, quando cominciai a lavorare con Berlusconi gli chiesi di poter seguire sempre la squadra in casa e in trasferta. Il Monza è la mia vita, è casa mia. Diciamo che ho fatto 31 anni di prestito al Milan e sono tornato al Monza. Quest’anno vogliamo andare in Serie B, Brocchi sta facendo bene e la squadra esprime un buon calcio. Abbiamo un discreto vantaggio, speriamo di mantenerlo fino alla fine" ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche