Inter, Eriksen: "Vincere il derby qui è speciale. I tifosi li senti anche nel bus..."

inter

Il centrocampista danese entusiasta dopo il suo primo derby di Milano: "Vincere in questo modo è speciale e se avessi segnato su punizione avrei messo la ciliegina su una super torta. In testa con la Juve? Manca ancora tanto, ma è bello essere lì"

LAZIO-INTER LIVE

Venti minuti, tanto è durato il primo derby di Milano per Christian Eriksen. Quanto basta per capire l'importanza del match e godersi l'incredibile rimonta con la quale la sua Inter ha battuto per 4-2 il Milan. Dall'inferno al paradiso nel giro di 45 minuti, in una gara che comincia già ben prima del fischio d'inizio, come ha raccontato il centrocampista danese ai microfoni di TV2: "Giocare questa partita è stata una grande esperienza. La spinta dei tifosi si percepisce davvero, a partire dalla splendida coreografia di tutta la curva, ma anche prima del match: quando arrivi con il pullman, battono sulle fiancate e ti fanno sentire l'importanza della sfida. E' stato davvero speciale, soprattutto per la vittoria arrivata in questo modo. Esco dallo stadio con un grande sorriso".

"Il gol sarebbe stata la ciliegina su una super torta"

Eriksen, entrato al minuto 72 al posto di Alexis Sanchez, è andato comunque vicinissimo al gol con una punizione dalla grande distanza che si è spenta sull'incrocio dei pali. Una traiettoria perfetta, o quasi: "L'ho colpita davvero bene, anzi no visto che non è entrata. All'inizio pensavo di crossare, ma ho visto che il Milan difendeva molto profondo e non c'erano grandi opportunità. Allora ho fatto un cenno a Brozovic e ho calciato. Se fosse entrata sarebbe stata l'estasi, la ciliegina su una super torta, ma per fortuna è finita bene lo stesso e questa punizione non rimarrà nella mia memoria come un incubo". Infine, Eriksen ha fatto il punto sulla situazione di classifica dell'Inter, che dopo il successo nel derby ha raggiunto la Juventus in testa alla classifica a quota 54 punti: "Mancano ancora tante partite alla fine, ma è bello essere in quella posizione di classifica. Mi sto ambientando davvero bene e la fiducia dei tifosi mi stimola a fare ancora meglio. Sento che sono felici del mio arrivo e questo mi gasa e aiuta la mia crescita".

I più letti