Juve-Inter, Conte: "Due sconfitte, il campo parla chiaro. C'è divario con loro"

Serie A
©Getty

L'allenatore nerazzurro deluso dopo la sconfitta nel Derby d'Italia: "Non ci siamo ripresi dopo il gol dell'1-0, dobbiamo crescere in personalità. La Juve domina da 8 anni, noi siamo partiti 7 mesi fa: difficile fare paragoni. Coronavirus? Bisogna tutelare la salute di tutti"

Due scontri diretti e due sconfitte: il ritorno da avversario contro la Juventus si conclude nel peggiore dei modi per Antonio Conte. Le reti di Ramsey e Dybala condannano la sua Inter alla sconfitta e la spingono a -9 dalla vetta, seppur con la partita interna contro la Sampdoria da recuperare. Un gap che rischia di diventare incolmabile per la formazione nerazzurra, con l'allenatore nerazzurro che riconosce la distanza tra le due squadre ai microfoni di Sky Sport: "Siamo stati bravi a rimanere in scia a loro, ma è inevitabile fare delle considerazioni. A parte il recupero, abbiamo sei punti di distanza dalla Juve, che sono i due scontri diretti che abbiamo perso: il risultato del campo parla chiaro. Bisogna essere positivi, non buttare tutto e questa sconfitta deve farci capire quanto siamo ancora distanti e deve aiutarci a crescere, senza farci cadere nello sconforto". Conte si è poi focalizzato su un confronto tra le due squadre, sottolineando il diverso percorso con il quale si sono avvicinate alla partenza di questo campionato: "La mia Inter ha iniziato un percorso sette mesi fa. Stiamo cercando di fare il nostro meglio, ma non si possono fare paragoni con una struttura che domina da 8 anni e ogni anno si rinforza ulteriormente. Dobbiamo continuare a lavorare, crescere dal punto di vista del carattere e della personalità  e cercare anno dopo anno di raggiungere i livelli altissimi della Juve".

"Il gol di Ramsey ha cambiato la partita, è mancata la reazione"

L'allenatore nerazzurro ha poi analizzato la sfida, trovando un preciso momento nel quale la partita è svoltata in favore dei bianconeri: "La gara era piuttosto equilibrata, nella ripresa stavamo facendo meglio di loro poi il gol di Ramsey ha cambiato tutto. Loro sono cresciuti e noi abbiamo subito in maniera importante senza riuscire a reagire. A livello caratteriale abbiamo ampi margini di crescita". Infine, Antonio Conte ha raccontato le proprie sensazioni riguardo alla partita disputata a porte chiuse e all'emergenza Coronavirus che tutto il paese si trova ad affrontare: "Ci sono delle preoccupazioni come ogni essere umano, è normale. Diventa difficile mantenere la concentrazione o alzare la voce quando la situazione è così delicata. Mi auguro che vengano prese decisioni nella tutela della salute di tutti, ci rimettiamo alle decisioni degli organi competenti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche