Genoa, Biraschi: la vita in casa per il coronavirus e la chat di famiglia

Serie A

Il difensore rossoblù ha parlato dei suoi giorni di quarantena per il coronavirus. Tra aneddoti e contatti con Davide Nicola, il nostro Riccardo Re ha avuto anche il modo di partecipare alla sua chat di famiglia con i fratelli

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Sempre presente dal primo all’ultimo minuto nelle partite del Genoa di Davide Nicola. Ma Davide Biraschi è ormai da quattro anni un punto di riferimento in rossoblù. Difensore, 25 anni, ma già uno dei leader della squadra. Del resto ha imparato ben presto a capire come comportarsi in un gruppo numeroso. Terzo di nove fratelli, considerando i genitori, la sua famiglia sarebbe sufficiente per schierare una squadra di calcio. E il calcio è una delle passioni di casa. Anche se Davide, nel presentare i suoi fratelli, sottolinea con orgoglio anche altri interessi. I più grandi sono gemelli, Emanuele e Simone, classe 92, entrambi laureati in giurisprudenza con il massimo dei voti. Tommaso, classe 96, studia fisioterapia in Spagna, a Murcia, e ora vista la delicata situazione è riuscito a ritornare a Roma per vivere in famiglia questo periodo di isolamento forzato. La sorella più grande, invece all’estero è dovuta restare: Rebecca, ancora a Copenaghen per seguire un master. Poi ci sono i più piccoli: Michele, casse 1998, Luca nato nel 2001, e Domitilla per poco ancora minorenne. Così come il più piccolo: Filippo che ha compiuto 12 anni proprio poche ore fa, il 31 marzo e festeggiato in videoconferenza da tutti i fratelli. Perché in questo periodo in cui un po’ tutti stiamo imparando a mantenere i contatti a distanza, sfruttando ogni tipo di tecnologia, a casa Biraschi già erano abituati. Con Davide in giro per l’Italia da quando ha lasciato Roma ancora ragazzino con il sogno di diventare un giocatore di serieA. Ora vive a Genova con la fidanzata. E vive in casa come tutti, “perché ce lo chiedono e perché è giusto così” dice. Il primo pensiero va sempre a chi soffre in questo periodo, e lui come i suoi compagni, e come tutta la società, si sono impegnati con donazioni all’ospedale San Martino di Genova, promuovendo inoltre una raccolta fondi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche