Juve news, test tutti negativi. Higuain e Rabiot subito a disposizione di Sarri

JUVENTUS
Giovanni Guardalà

Giovanni Guardalà

Tutti i test diagnostici effettuati sui giocatori bianconeri sono risultati negativi. Sarri, che aveva già ritrovato Khedira e Matuidi dopo l'isolamento, potrà avere a disposizione da questo venerdì anche Rabiot e Higuain. I due hanno effettuato test specifici e, secondo le norme vigenti, possono evitare i 14 giorni di quarantena previsti dopo il ritorno dall'estero 

CORONAVIRUS, LE NEWS IN DIRETTA

Avanti così. Gradualmente la Juventus torna alla normalità. Dopo aver effettuato i test medici risultati tutti negativi, da questo momento Sarri allenerà a gruppi sempre più cospicui fino a veri e propri allenamenti di squadra. Ultime tappe che portano a un'altra novità. Sulla base delle normative con l'effettuazione di test specifici, anche Rabiot e Higuain hanno avuto il via libera per allenarsi con i compagni senza dover aspettare le classiche due settimane. Quindi Sarri dal prossimo allenamento avrà 23 giocatori a disposizione e potrà gradualmente arrivare alle classiche partitelle e soprattutto al lavoro tattico. Tanto pallone. Movimenti ripetuti fino alla noia per recuperare il tempo perduto ed evitare che la Juventus si presenti a questa nuova parte di stagione con quei difetti, la discontinuità e la mancanza di attenzione su tutti, che avevano contraddistinto i primi 6 mesi di stagione.

I recuperi

Rispetto a quell'8 marzo, giorno di Juventus-Inter, Sarri avrà la possibilità di contare su un Chiellini ben oltre la guarigione e un Khedira in più a centrocampo e un po' più in là anche Demiral, che dopo l'infortunio di Roma aveva di fatto detto addio al finale di stagione e agli Europei, mentre di fatto diventa un acquisto in più di grande affidabilità.

Rabiot e Higuain restano punti interrogativi

I punti interrogativi riguardano Rabiot e Higuain. Il francese non aveva dato un buon esempio rimanendo in Costa Azzurra fino a pochi giorni fa e la società di certo non ha gradito, mentre Higuain bisognerà capire come sta a livello di motivazioni dopo i tentennamenti sull'eventuale ritorno a Torino. La testa sarà concentrata su questo finale di stagione? Questo potrà essere il problema più grande perché, se a centrocampo i numeri ci sono per sopperire a Rabiot, lì davanti gli uomini sono contati. E per una ripresa che presenterà un calendario fittissimo i cambi in ogni reparto saranno fondamentali.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche