Hakimi: "L'Inter può vincere lo scudetto. Mi ispiro a Marcelo"

Serie A

Il nuovo acquisto dei nerazzurri in esclusiva per Sky Sport: "Il gioco di Conte mi esalta, in campo con Lautaro e Lukaku è tutto più facile. La doppietta contro l'Inter? E' stata la notte del destino: ora voglio vincere con questa squadra"

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Tutto iniziò con una notte di Champions. Amara per l'Inter (ko e fuori ai gironi), super per Achraf Hakimi (doppietta, in prestito al Borussia Dortmund): da lì in poi, il lungo corteggiamento dei nerazzurri al Real Madrid. E lo scorso 2 luglio, l'esterno marocchino è diventato il primo botto di calciomercato dell'estate: due mesi dopo si racconta, in una lunga intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport. Tra impatto in nerazzurro e nuovi obiettivi.

leggi anche

Inter, in settimana risoluzione Vidal-Barcellona

Perché hai scelto l'Inter?

C'erano diverse squadre che mi volevano: con la mia famiglia e le persone che mi sono vicino, abbiamo dovuto pensare molto bene a quale fosse la destinazione migliore per continuare a migliorarmi e a divertirmi giocando calcio. Credo che l'offerta dell'Inter, alle condizioni proposte dalla dirigenza, sia stata un'ottima soluzione per me. Soprattutto per il modo in cui gioca la squadra: credo che questo possa avvantaggiarmi, visto che mi piace molto l'allenatore. Sono a disposizione di Conte e di questo grande club. Mi sto trovando molto bene qui.

 

Che tipo di giocatore sei?

Mi piace molto andare all'attacco: segno e faccio assist, però questo non basta. Devo anche difendere e credo che possa migliorare tutte le mie statistiche. Sono giovane e ho ancora molti margini di crescita.

 

5 novembre 2019, Borussia Dortmund-Inter 3-2.

La notte del destino? Può essere. Era una partita molto importante anche per noi, ci giocavamo il passaggio del turno. Stavamo perdendo, nella ripresa ci siamo spinti in avanti per rimontare e ho potuto aiutare la squadra con due gol. E allora sì, è il destino che mi ha portato qui ora.

 

Qual è il tuo idolo?

Come tutti sanno, per le mie caratteristiche di gioco e anche un po' per la mia vita personale Marcelo è il mio punto di riferimento. E' allegro, si diverte giocando, ha qualità che mi piacciono. Ho avuto l'opportunità di allenarmi con lui: è stato un grande compagno di squadra e mi rivedo molto in lui.

 

Com'è giocare con la coppia del gol nerazzurra?

A chi non piacerebbe avere attaccanti come Lukaku e Martinez? Per noi che siamo degli esterni e dobbiamo cercare di fare assist in mezzo all'area, poter contare su due bomber come loro rende tutto più facile per aiutarli a segnare.

 

Hai seguito la squadra in questi ultimi mesi?

L'Inter ha appena giocato una grande stagione: ho visto diverse partite dei nerazzurri, ci ho giocato anche contro e hanno grandi giocatori con tanta qualità. Penso che quest'anno potremo fare grandi cose, anche con il contributo di chi come me è arrivato per rafforzare la squadra.

 

L'Inter può vincere lo scudetto quest'anno?

Lotteremo per questo, è un nostro dovere cercare di conquistarlo. Vedremo cosa succederà nel corso della stagione: però abbiamo tutte le carte in regola per poterlo vincere e ci proveremo.

Il difensore che viene dal deserto: il video-annuncio

approfondimento

"Il Real Madrid prese Hakimi per qualche pallone"

Sabbia e pallone, l'identikit di Hakimi in 40 secondi: è il video di presentazione lanciato questa mattina dai social del club. "Viaggiare. Correre. Unirsi", la voce del giocatore di sottofondo mentre scorrono le immagini: "Il deserto e la città. Il vento e la luce. L'alba e il tramonto. Le mie origini e miei obiettivi. Essere Hakimi. Achraf, Arra. Lo spagnolo, il marocchino. L'interista".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche