Juventus, fine dell'isolamento al J-Hotel: Bonucci e Chiellini raggiungono la Nazionale

Serie A

Dopo quattro giorni di isolamento fiduciario presso il J-Hotel, i calciatori della Juventus potranno rientrare nelle proprie abitazioni e recarsi al centro d'allenamento per riprendere gli allenamenti. Via libera anche per i convocati dalle Nazionali, che raggiungeranno i rispettivi ritiri

Dopo quattro giorni, è terminato l'isolamento fiduciario al quale era sottoposto il gruppo squadra della Juventus presso il J-Hotel: a comunicarlo è direttamente il club bianconero, con una nota ufficiale sul proprio sito. E' stata la Asl a dare il via libera, in seguito ai controlli previsti dal protocollo sanitario. I calciatori che rimarranno a disposizione della Juventus saranno costretti a continuare l'isolamento presso le proprie abitazioni, potendo però recarsi al centro d'allenamento della Continassa per le attività agli ordini di Andrea Pirlo. Per quanto riguarda i giocatori convocati nelle varie Nazionali, invece, è arrivato l'ok affinchè potessero raggiungere i rispettivi ritiri, continuando a seguire la condizione di isolamento fiduciario e di essere sottoposti alle responsabilità degli staff sanitari delle Federazioni: Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini potranno così unirsi al gruppo di Roberto Mancini per le due gare di Nations League contro Polonia e Olanda.

Il comunicato della Juventus

leggi anche

Gli orari delle gare di A fino alla 16^ giornata

"Juventus comunica che, a seguito dei controlli previsti da protocollo, eseguiti sul Gruppo Squadra in questi giorni, l’ASL competente ha rilasciato il nullaosta per l’abbandono dell’isolamento fiduciario presso il J-Hotel con l’obbligo di continuazione dell’isolamento presso la propria abitazione. I calciatori e lo staff potranno recarsi al centro d’allenamento per le normali attività. I calciatori convocati nelle Nazionali sono autorizzati a raggiungere le rispettive squadre poiché le cautele correlate alla condizione di isolamento fiduciario potranno essere continuate a cura degli staff sanitari delle rispettive Federazioni".