Napoli-Atalanta, Gasperini: "Azzurri superiori in tutto, che ci serva da lezione"

Serie A
©LaPresse

L'allenatore nerazzurro dopo il brutto ko del San Paolo: "Mercoledì abbiamo il debutto in Champions, questa gara dev'essere il nostro campanello d'allarme. Brutta prestazione sotto ogni punto di vista: il ritorno di Ilicic l'unica nota positiva"

ATALANTA-SAMP LIVE

Si era presentata al San Paolo da capolista imbattuta, ne è uscita frastornata con 4 gol subiti nel solo primo tempo. "Non è stata la solita Atalanta", ammette Gian Piero Gasperini nel postpartita. "Abbiamo avuto problemi tattici, tecnici, mentali. Il Napoli ci è stato superiore in tutto. Mercoledì abbiamo la nostra prima gara stagionale di Champions League contro il Midtjylland: questo ko ci deve fare da campanello d'allarme". La debacle di oggi si è consumata soprattutto nella fase centrale del primo tempo: dal 23' al 30' il Napoli ha colpito per tre volte. "E così noi in pochi minuti abbiamo compromesso ogni possibilità di raddrizzare la partita", continua l'allenatore: "Siamo stati veramente sottotono".

"Ilicic ha bisogno di giocare"

leggi anche

Il Napoli domina l'Atalanta: 4-1 show al San Paolo

Gasperini non fa drammi, ma per il sogno scudetto è prudente: "Non ne ho mai parlato", sottolinea. "Quello che conta è tornare a giocare come sappiamo: da lì capiremo quale strada intraprendere. Due mesi fa a Bergamo avevamo fatto un altro tipo di prestazione battendo il Napoli 2-0. Oggi non è successo: sta a noi capire perché". I duelli in area li hanno vinti tutti gli azzurri, Mertens sempre un tempo di gioco avanti a Palomino. "Ma non è qustione di singoli", spiega Gasperini. "Quando si affrontano attaccanti di un certo calibro bisogna essere bravi a reggere come sistema. Così si prende e coraggio, portando i nostri uomini in attacco. Dobbiamo tornare a farlo. L'unica nota positiva della giornata è il ritorno di Ilicic", dopo un lungo e difficile periodo di assenza. "Lo aspettiamo: per tornare ha i suoi livelli e ritrovare la condizione ha solo bisogno di giocare".