Fonseca dopo Atalanta-Roma: "Primo tempo da guerrieri, secondo da ragazzini"

roma

La delusione dell'allenatore dopo la sconfitta di rimonta subita a Bergamo: "Devo far capire ai giocatori che non si può cambiare atteggiamento così da un tempo all'altro"

ATALANTA-ROMA 4-1, GOL E HIGHLIGHTS

"Non voglio cercare alibi. Abbiamo fatto un primo tempo con grande intensità, da guerrieri. Poi un secondo tempo da ragazzini, bambini". Non usa giri di parole Paulo Fonseca per commentare la prestazione dei suoi, in vantaggio contro l’Atalanta 1-0 dopo 45’ e poi crollati nella ripresa. "L'atteggiamento è cambiato totalmente – prosegue Fonseca -, la squadra si è allungata e questo contro l'Atalanta è fatale. Cosa è successo? E' una questione di atteggiamento, si gioca 90 minuti e non 45. Una squadra che ha fatto quello che ha fatto nel primo tempo, non può cambiare atteggiamento così. Squadra poco aggressiva, totalmente diversa dal primo tempo".

"Senza aggressività non si vince"

Highlights

Atalanta-Roma 4-1

4 gol subito a Napoli, altrettanti stavolta a Bergamo: "La Roma scende in campo sempre per vincere e se avesse mantenuto l'atteggiamento del primo tempo avrebbe potuto farlo. Problema di maturità? Può essere, ma stavolta è colpa dell'atteggiamento. Devo far capire ai giocatori che non si può cambiare così da un tempo all'altro. La squadra si è abbassata senza ragione nel secondo tempo. Difficile capire cosa è successo. Per l’Atalanta è stato fin troppo facile. Possiamo lavorare bene, ma senza aggressività non si può vincere questo tipo di partite".

Mancini: "Fonseca ha ragione"

leggi anche

Serie A, il calendario del prossimo turno

"Ha letto bene la partita - ammette Gianluca Mancini -, abbiamo fatto un buon primo tempo dove avevamo lottato su ogni pallone, poi c'e' stato il solito blackout che non deve succedere. Adesso dobbiamo guardare avanti e non ripetere la brutta prestazione di Bergamo. Ci sta di calare fisicamente, ma non si può perdere così. Le occasioni ci sono state anche per pareggiare, invece l'abbiamo 'mandata in vacca' e questo non va bene".