Juventus, Chiellini: "Mai con un'altra maglia in Italia e in Europa"

esclusiva

Il difensore bianconero ha parlato in esclusiva a Sky Sport: "Io e Buffon non siamo mai stati un problema, non lo siamo e non lo saremo mai. Indossare un'altra maglia? Mai". Poi fissa l'obiettivo: "Arrivare più in alto possibile, che magari sarà il secondo posto...". Sull'Atalanta, prossima avversaria: "Ha ragione Guardiola, è come andare dal dentista"

"Con un'altra maglia? È fantamercato". Una dichiarazione d'amore alla Juventus firmata da Giorgio Chiellini. Il difensore centrale, che ha un contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, chiude a un futuro con un altro club che non sia quello bianconero: "Sicuramente non in Italia e in Europa - ammette il difensore in un'intervista a Sky Sport -. Non è un tema attuale, adesso sono concentrato su Muriel, Zapata e Malinovskyi. Ho già tanti pensieri, il resto verrà dopo ed è lontano dalla mia concentrazione attuale".

"Io e Buffon non saremo un problema"

leggi anche

Zapata "stress test" per la difesa della Juve

Il futuro, però, è un tema che tiene banco perché è in scadenza non solo il contratto di Chiellini, ma anche quello di Gigi Buffon. Due bandiere del club che non saranno mai un problema per la Juventus come sottolineato da Chiellini: "Nel periodo che ero in Nazionale sembrava fosse un problema se io e Gigi avessimo rinnovato o meno - ammette - Non siamo mai stati un problema, non lo siamo e non lo saremo mai". 

"Obiettivo? Più in alto possibile"

Chiellini analizza allora la stagione in corso, concentrandosi sulla gara contro l'Atalanta e svelando l'obiettivo di squadra: "In questo momento non bisogna pensare a quello che è stato e a quello che poteva essere se avessimo vinto più gare con le ‘piccole’: sono solo discorsi con i ‘se’ e con i ‘ma’ che ci tolgono attenzione da quello che dev’essere il vero obiettivo, cioè arrivare il più in alto possibile, che magari sarà il secondo posto perché siamo tanto lontani dall’Inter".
 

A livello personale, invece, il difensore bianconero è soddisfatto dei suoi ultimi mesi, dopo l'infortunio: "Io sono stato per un anno e mezzo in 'vacanza forzata' e ancora i primi mesi di quest’anno sono frutto dell’infortunio e della difficoltà di trovare un equilibrio. Ma da gennaio in poi sono contento di quello che ho fatto e del contributo che ho dato. A 36 anni compiuti non era così scontato." Aumento dei gol subiti dalla nostra difesa? In parte è dovuto al Covid, in parte al Var, perché ci sono molti più rigori che qualche anno fa. Il calcio è cambiato molto: non si può dire se sia migliore o peggiore, è semplicemente diverso".

"Atalanta? Ha ragione Guardiola"

vedi anche

CR7 gli negò la maglia, Gosens la riceve in regalo

"La vittoria con il Napoli è stata importante perché loro sono forti e in un buon momento, contro il Genoa abbiamo dato continuità rischiando solo all’inizio del secondo tempo ma creando tanto e adesso dobbiamo pensare solo all’Atalanta", continua Chiellini. "È una squadra fisica, tecnica, che ha qualità, ti pressa per 90 minuti: come ha detto Guardiola, “è come andare dal dentista”, perché non è mai piacevole da affrontare. Ma siamo consapevoli della nostra forza e delle armi che possiamo usare per metterli in difficoltà. Quest’anno non siamo mai riusciti ad avere grande continuità e sarebbe un bel segnale trovarla ora in questi ultimi due mesi".

Il "problema" Ronaldo

Chiellini, poi, sorride ancora ripensando all’assist sbagliato per Ronaldo contro il Genoa: un'azione che l'ha visto involarsi verso l'area avversaria per poi tentare una giocata con un'improbabile scavetto a servire in profondità il portoghese. Nella gara in cui CR7, non trovando il gol, si è spazientito in più di un'occasione, sbuffando e allargando le braccia. "Cosa gli ho detto dopo quel passaggio sbagliato? Ridevo perché gli ho detto 'io ci ho provato, ma più di tanto non posso fare…', e si è messo a ridere anche lui. Se il problema è Cristiano Ronaldo, ce ne fossero di questi problemi...".

Lo spettacolo di Psg-Bayern

Infine, un giudizio sulla fase finale della Champions. "Psg-Bayern è stata uno spot per tutto il calcio, tutti gli appassionati non possono non aver apprezzato. Si affrontavano la squadra più forte e la squadra con i giocatori più forti. Uno spettacolo vederla, un ritmo e una tecnica impressionanti. Il Real? La solita conferma, quando arriva ai grandi appuntamenti ha i giocatori che fanno la differenza: all’andata contro il Liverpool, il centrocampo del Real è stato qualcosa di fantastico”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport