Samp-Inter, D'Aversa: "Grandissima prestazione, meritavamo di più". VIDEO

Serie A

L'allenatore blucerchiato commenta a caldo la prestazione dei suoi contro l'Inter, un pareggio in rimonta che lo soddisfa dal punto di vista della prestazione ma non a pieno per quanto riguarda il risultato

SAMP-INTER 2-2: HIGHLIGHTS  -  PAGELLE

È un D'Aversa moderatamente soddisfatto quello che si presenta a pochi secondi dalla partenza del GP di Italia alla Casa dello Sport su Sky. Anche la Samp contro l'Inter ha sfoggiato una prestazione motoristica, con sorpassi e controsorpassi, in una sfida avvincente che ha visto i blucerchiati rimontare due volte i campioni d'Italia: "Sotto l’aspetto della prestazione sono soddisfatto - spiega D'Aversa - siamo partiti molto forte e ci siamo trovati sotto su una circostanza di una punizione in cui è stato bravo Dimarco a metterla nel sette, poi siamo stati bravi a rimontare due volte contro i campioni d’Italia. Giusto il pareggio, ma forse avremmo meritato qualcosa in più".

L'intesa Quaglia-Caputo e il baricentro alto

leggi anche

L'Inter frena a Marassi: è 2-2 con la Samp

D'Aversa risponde alla domanda di Stefano De Grandis sul nuovo tandem d'attacco blucerchiato: "Quagliarella e Caputo sono due giocatori forti, completi, le difficoltà le possiamo avere di più nella fase difensiva in cui bisogna sacrificarsi ma da questo punto di vista la squadra si è ben comportata. Il rammarico è che in tutte e tre le partite stiamo un po’ recriminando sul risultato".

 

A Giancarlo Marocchi, che fa notare come il baricentro della squadra di D'Aversa si sia alzato rispetto alle ultime due stagioni, il tecnico blucerchiato spiega: "Il baricentro della squadra è determinato dai giocatori a disposizione, nel primo anno di serie A avevo Bruno Alves ma a campo aperto non avrei sfruttato le sue caratteristiche. Qui con Colley e Yoshida posso permettermelo, comunque abbiamo cambiato qualcosa nell’interpretazione della gara, sin dalla prima partita di Coppa Italia. Ma bravi i giocatori che mi permettono di fare questo".

 

Matteo Marani pone l'attenzione sul gioiellino Damsgaard. Il danese a Euro2020 ci ha stregati (non a caso lo chiamano "il maghetto" ma sembra che in questo avvio di campionato manchi di brillantezza. D'Aversa commenta: "Dal punto di vista tattico oggi ha giocato più da interno. Poi un giocatore importante come lui che fa la differenza in nazionale, non deve compiere errori come perdere palla a centrocampo in una zona non sicura. Detto questo è un giocatore che può determinare, oggi nel secondo tempo se non fosse stato per D’Ambrosio avrebbe fatto gol. La brillantezza sfoggiata a Euro2020 la recupererà col passare del tempo quando potrà lavorare con più continuità come hanno fatto gli altri dal primo giorno del ritiro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche