Napoli, De Laurentiis ai Quartieri Spagnoli: "Maradona è eterno, mito indimenticabile"

l'omaggio

Il presidente del Napoli ricorda Maradona, a un anno dalla sua scomparsa: "Un mito come lui non si discute, non c'è nessuno che possa imitarlo". E a margine dell'inaugurazione della statua dedicata a Diego all'esterno dello stadio, annuncia: "Ne faremo costruire altre anche all'interno, così che il calciatori possano toccare le mani o i piedi del dio del calcio"

DIEGO FIGLIO DI NAPOLI: GLI SPECIALI SU SKY - NAPOLI-LAZIO LIVE

Nel primo anniversario della sua scomparsa, tanti tifosi napoletani si sono riuniti ai Quartieri Spagnoli per celebrare la memoria di Diego Armando Maradona, davanti al murales che ritrae il campione argentino con la maglia azzurra. Incontro al quale ha partecipato anche il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che ha voluto ricordare così Maradona: "Il mito non si discute, come gli dei dell'Olimpo, non c'è attore che possa imitarlo, lui è il Pibe de Oro e sempre lo rimarrà. E' un peccato non averlo con noi. A volte veniamo considerati severi nel gestire i calciatori del Napoli, ma in questo momento è giusto così. Maradona sprigiona ancora tanta energia, vedete quanti li adorano, dall'Argentina sono venuti 300 tifosi del Boca, bisogna fare un plauso a tutte queste persone venute per adorare il proprio idolo".

"Metteremo altre statue all'interno dello stadio"

vedi anche

Napoli omaggia Maradona: inaugurata la sua statua

Il numero uno del Napoli ha poi presenziato all'inaugurazione della statua dedicata a Diego Armando Maradona, che sorgerà all'ingresso dello stadio che ha preso il nome del campione argentino: "Lavoriamo per piazzare lo stadio ai livelli che merita, ci vorrà tempo. La fortuna vuole che il Sindaco mi abbia contattato per rassicurarmi di voler fare tutto prima possibile. Abbiamo invitato Infantino, Gravina, De Siervo: tranne Infantino che ancora non l'ha data, gli altri hanno dato conferma. E abbiamo invitato allenatori e compagni del passato di Diego, aspettiamo per fare in modo che ci siano tutti domenica. Metteremo più statue di Diego nello stadio e anche negli spogliatoi, dove i calciatori potranno toccare mano o piede del dio del calcio prima di scendere in campo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche