Spalletti dopo Napoli-Empoli: "Ci è mancata lucidità, poco incisivi"

Serie A
©IPA/Fotogramma

Le parole dell'allenatore del Napoli dopo la sconfitta contro l'Empoli: "Tanti giocatori stanno stringendo i denti. Quando è così serve l'episodio a favore, invece ci sta andando tutto nella direzione opposta". Poi parla del problema accusato da Zielinski: "Sentiva dolore al petto e si era impaurito. L'abbiamo tolto per eliminare ogni dubbio che ci fosse qualcosa di serio". E su Elmas: "Ha preso una grossa botta alla tibia"

NAPOLI-EMPOLI 0-1 HIGHLIGHTS

Il Napoli perde in casa contro l'Empoli di Andreazzoli (0-1) e subisce la seconda sconfitta consecutiva in campionato dopo quella contro l'Atalanta di due sabati fa. Intervenuto nel postpartita, Luciano Spalletti ha analizzato la prestazione dei suoi ragazzi: "Non siamo stati bravi a esibire qualità quando c'è stato il momento di andare a incidere. A volte li abbiamo chiusi dentro l'area di rigore, ma è mancata lucidità nelle scelte. Noi dovevamo essere più bravi a far girare la palla, ma non siamo stati bravi a chiuderli bene e fargli perdere riferimenti. E' venuta fuori una partita aperta e abbiamo fatto fatica: da questa fatica sono venute fuori le difficoltà del momento e la mancanza di lucidità". L'allenatore del Napoli poi ha elencato tutta una serie di cause che portano il suo Napoli a vivere un momento delicato della stagione: "In questo momento molti stringono i denti: quando è così ci vorrebbe l'episodio che ti gira a favore, invece ci sta andando nella situazione opposta. Qualcuno fa gli straordinari, mentre ad altri, come Insigne, sei costretto a chiedere di giocare anche se non hanno i minuti nelle gambe. Anche quelli che sono tornati dal Covid non erano in grandi condizioni. Per questo dovevamo essere bravi a far girare palla per non fare diventare la partita un dispendio di energie: mettere la partita sul piano tecnico era la via d'uscita. Invece non è stato così: abbiamo sofferto nel primo tempo, e nel secondo li abbiamo chiusi di più ma sono mancate le zampate negli ultimi metri". Il prossimo weekend il Napoli è atteso dalla trasferta di Milano, per giocare contro il Milan: "E' una grande opportunità per rimettere a posto molte cose. Finalmente abbiamo tutta la settimana a disposizione per preparare il match". 

Spalletti su Zielinski: "Era impaurito, per questo lo abbiamo sostituito"

leggi anche

Colpo Empoli con Cutrone gol: Napoli ancora ko

Luciano Spalletti ha anche parlato delle condizioni di Zielinski, uscito al 22': "Sono stato costretto a cambiarlo perché gli è iniziato a fare male il petto. Non potevo stimolarlo a restare in campo perché c'era il dubbio che gli potesse succedere qualcosa. Non abbiamo ancora un quadro chiarissimo su di lui. Era impaurito dal dolore che gli era preso. Per questo lo abbiamo sostituito, per togliere qualsiasi dubbio".  Non solo Zielinski è stato costretto al cambio. Anche il macedone Elmas è dovuto uscire dopo aver subito un duro colpo di gioco: "Elmas ha una grossa botta sulla tibia. Parisi gli è andato proprio dritto col tacchetto sulle gambe. Vedremo se farà accertamenti o meno, ma Eljif mi è sembrato fiducioso quando sono andato a vedere come stava". 

Andreazzoli: "Abbiamo l'obbligo di giocarcela con tutte"

Questo invece il bel commento di Andreazzoli dopo la nuova grande prestazione della sua squadra: "Venire a Napoli e non cercare il massimo risultato sembrerebbe far spendere i soldi alla società per niente. È doveroso e un obbligo che abbiamo, verso la nostra professione e verso quello che facciamo tutta la settimana. Noi andiamo e cerchiamo di fare il massimo dappertutto. Se poi non ce la facciamo ci accontenteremo magari di non perdere. E se poi perdiamo, sarà un’esperienza". Andreazzoli poi prosegue, sottolineando le convinzioni del suo gruppo: "I ragazzi ci credono, hanno capito che i risultati si possono ottenere dovunque e che io non racconto storie giusto per raccontarle. Vederli crescere mi dà soddisfazione, e vederli scendere in campo in questi stadi, in cui la maggior parte di loro non c'era mai neanche stato prima, mi dà una grande gratificazione".