Giudice sportivo, Atalanta-Torino si gioca: attesa per le altre gare rinviate il 6 gennaio

RINVII 6 GENNAIO
atalanta torino

È arrivato il comunicato sulle gare rinviate lo scorso 6 gennaio per Covid: il giudice sportivo ha deciso che Atalanta-Torino si giocherà regolarmente, la Lega Serie A dovrà disporre la gara di recupero. Attesa per Salernitana e Udinese, che dovranno presentare ulteriori documentazioni per motivare la loro assenza alle partite rispettivamente contro Venezia e Fiorentina

Il giudice sportivo si è espresso in merito ai rinvii di tre gare in programma lo scorso 6 gennaio, nel turno dell'Epifania. Queste partite non si sono giocate a causa dei provvedimenti Asl che hanno bloccato alcune tra le squadre più colpite dal Covid in quel periodo. Tra queste il Torino, che in quel primo turno del 2022 era impegnato a Bergamo contro l'Atalanta. I granata di Juric non si sono presentati al Gewiss Stadium, aspettati i canonici 45 minuti l'arbitro Giacomelli ha constatato l'assenza della squadra ospite che, nel ricorso inviato il giorno seguente, si è appellata alla cosiddetta "causa di forza maggiore". In data 5 gennaio, infatti, era arrivato il provvedimento Asl che imponeva un periodo di quarantena domiciliare per ogni componente del gruppo squadra del Torino per almeno 5 giorni. Il TAR Piemonte, nei giorni successivi, sospese quel provvedimento, che era però regolarmente valido nel giorno della partita, rappresentando così un chiaro impedimento per la squadra granata. Per questo motivo, il giudice sportivo ha disposto che questa gara dovrà regolarmente giocarsi, ordinando alla Lega di Serie A di fissare una data per il recupero.

Le decisioni sulle altre gare

approfondimento

Ricorso respinto, resta il 2-6 di Udinese-Atalanta

Le altre partite, invece, restano ancora sub iudice, non è infatti arrivata una decisione definitiva. Salernitana e Udinese non si sono presentate agli appuntamenti con Venezia e Fiorentina, sempre a causa di provvedimenti Asl arrivati in seguito a numerosi casi di positività al Covid. La differenza con quanto accaduto a Torino, però, riguarda la natura dei provvedimenti stessi. Se in casa granata era arrivato lo stop per l'intero gruppo squadra, Salernitana e Udinese hanno ricevuto solo degli ordini di isolamento dei positivi e di quarantena per alcuni contatti stretti, non comportando questo l'esplicita interruzione delle attività. I due club in questione, quindi, sono chiamati dal giudice sportivo a presentare, entro 7 giorni, una documentazione che attesti il numero di giocatori positivi o posti in quarantena e quelli, invece, effettivamente disponibili per la disputa della gara. Solo dopo quest'integrazione, il giudice sportivo emetterà un provvedimento definitivo.