Serie A, 24^ giornata: presentazione, numeri, curiosità e statistiche

Serie A
milan_inter_lapresse

Curiosità, precedenti, numeri, statistiche e stato di forma: tutto quello che c'è da sapere sulla 24^ giornata di Serie A che inizia sabato 5 febbraio e si conclude lunedì 7

JUVE-VERONA LIVE

Roma-Genoa, sabato 5 febbraio, ore 15

Confronto numero 110 in Serie A tra le due squadre e precedenti favorevoli alla Roma, che ha ottenuto 53 vittorie contro le 32 del Genoa (24 i pareggi). Contro i rossoblù, i giallorossi sono imbattuti da 15 gare di campionato (12 vittorie e 3 pareggi) e in questo parziale hanno realizzato 31 gol (media di 2,1 a partita). Da quanto la vittoria vale 3 punti (1994/95), il Genoa è la squadra che la Roma ha affrontato più volte in casa in Serie A senza mai perdere (in 15 confronti, 14 vittorie e 1 pareggio). Qualora arrivasse un successo, la Roma troverebbe la terza vittoria consecutiva in campionato per la prima volta da settembre. Al contrario, il Genoa è la squadra che nei principali cinque campionati europei attende la vittoria da più turni, 20 (10 pareggi e 10 sconfitte). La Roma è la squadra che in questo campionato ha subìto più gol da fuori area (7), ma il Genoa non ha ancora mai segnato dalla distanza in questo torneo. Sarà la partita numero 100 in Serie A per José Mourinho: in caso di vittoria, eguaglierebbe Antonio Conte come allenatore con il maggior numero di successi (62) nelle prime 100 gare nel massimo campionato nell'era dei 3 punti a vittoria.

Inter-Milan, sabato 5 febbraio, ore 18

leggi anche

Serie A, sarà Guida l'arbitro di Inter-Milan

Derby della Madonnina numero 176 in Serie A e Inter in vantaggio nei precedenti con 67 vittorie contro i 52 successi del Milan (56 pareggi). I rossoneri sono la squadra contro cui l'Inter ha pareggiato di più in campionato. Nessuna altra squadra in Serie A ha battuto più volte il Milan rispetto ai nerazzurri, che sono anche la squadra che ha inflitto più gol al Diavolo nella competizione (247). All'andata finì 1-1, in caso di pareggio le due squadre impatterebbero in entrambi i derby stagionali per la prima volta dal 2016/17, quando sulla panchina dell'Inter c'era proprio Stefano Pioli. Negli ultimi 11 derby di Serie A l'Inter ha perso una sola volta (2-1 nell'ottobre 2020), poi per i nerazzurri 6 vittorie e 4 pareggi. Proprio in quella occasione, l'Inter registrò l'ultima sconfitta interna in Serie A. Inter (53) e Milan (47) hanno i due migliori attacchi di questa Serie A. Cercherà il primo gol nel derby Edin Dzeko, che ha già segnato 5 reti al Milan con la maglia della Roma. Fari puntati anche su Zlatan Ibrahimovic, il cui impiego è però incerto a causa di un problema fisico: lo svedese ha segnato 8 gol nei derby di Milano e solo Meazza, Nordahl e Nyers hanno fatto meglio di lui.

Fiorentina-Lazio, sabato 5 febbraio, ore 20.45 (su Sky Sport)

Lazio avanti nei precedenti contro la Fiorentina: 56 vittorie biancocelesti contro 47 viola, oltre a 42 pareggi. Positiva anche la tradizione recente per la squadra di Sarri, che ha battuto i toscani in 6 degli ultimi 8 incroci in Serie A. La Fiorentina non perde al Franchi da 7 partite: è la sua migliore striscia senza sconfitte interne dall'aprile 2017. La Lazio non ha incassato gol nelle ultime 2 uscite in campionato: l'ultima striscia più lunga di clean sheet per i biancocelesti risale al marzo 2015 (4 di fila). La squadra di Italiano è quella che in media segna di più in casa in questo campionato (2,9 gol a partita) e quella che subisce mediamente meno tiri (9,6 a gara), mentre gli uomini di Sarri hanno la miglior percentuale di tiri nello specchio (55,1 %). Sarà la presenza numero 250 in Serie A per Ciro Immobile, che ha già segnato 5 gol con la maglia della Lazio contro la Fiorentina in Serie A: meglio di lui solo Piola e Giordano.

Atalanta-Cagliari, domenica 6 febbraio, ore 12.30 (su Sky Sport)

Situazione di sostanziale equilibrio in Serie A tra Atalanta e Cagliari: 23 successi nerazzurri, 20 rossoblù e 12 pareggi. Nelle ultime 4 uscite contro i sardi però i bergamaschi hanno sempre vinto, segnano 9 gol e subendone 3. In questa sfida il pareggio manca dal gennaio 2013 (1-1), nelle successive 15 gare 9 vittorie dell'Atalanta e 6 del Cagliari. I nerazzurri sono reduci da due 0-0 di fila, contro Inter e Lazio: non hanno mai infilato tre gare finite in parità senza reti nella propria storia in Serie A. L'Atalanta è la squadra che ha subito meno gol da palla inattiva in questo campionato (5), al contrario il Cagliari è quella che ne ha incassati di più (19).

Bologna-Empoli, domenica 6 febbraio, ore 15

Anche in questo caso equilibrio pressoché totale nelle precedenti sfide di Serie A: 4 vittorie per il Bologna, 5 per l'Empoli e 6 pareggi. I toscani hanno comunque una buona tradizione recente contro i rossoblù, battuti in 5 delle ultime 8 sfide di campionato. All'andata vittoria per la squadra di Andreazzoli: l'Empoli non ha mai battuto in entrambe le gare stagionali il Bologna. Gli emiliani, in ogni caso, hanno perso al Dall'Ara in una sola occasione, nel 2015, e cercheranno una svolta essendo reduci da 3 sconfitte di fila in questo campionato. Anche l'Empoli però cerca un seccesso che ormai manca da 6 partite. Qualora segnasse, la squadra toscana eguaglierebbe il proprio record di partite consecutive a rete in trasferta (9 tra il 2015 e il 2016). Stato di grazia per Orsolini, in gol nelle sue ultime 4 presenze in Serie A: solo Baggio, Cruz e Di Vaio sono andati in rete per 5 partite di fila con il Bologna in A nell'era dei 3 punti.  

Sampdoria-Sassuolo, domenica 6 febbraio, ore 15

Sassuolo avanti nelle sfide disputate in Serie A contro la Sampdoria: appena 3 i successi dei blucerchiati contro gli 8 dei neroverdi (6 pareggi). Nelle ultime 10 gare di campionato contro la Samp, il Sassuolo è rimasto imbattuto in 9 occasioni (6 vittorie e 3 pareggi) e in 6 di questi incontri ha mantenuto la porta inviolata. Ma dagli anni 2000 in poi, la sfida tra Sampdoria e Sassuolo è quella che in percentuale ha registrato più 0-0 considerando le formazioni che si sono sfidate in più di 15 occasioni (29% dei precedenti, 5 su 17). I neroverdi sono la squadra contro cui i blucerchiati hanno ottenuto meno successi tra quelle affrontate più volte in Serie A. La Samp cercherà di rialzare la testa dopo le ultime 4 sconfitte consecutive in campionato (3 con D'Aversa in panchina, una con Giampaolo): soltanto nel novembre 2012 ha fatto peggio (7 ko di fila). Il Sassuololo, invece, ha vinto solo una delle ultime 6 partite ed è la squadra che in percentuale ha ottenuto meno punti in questo campionato contro avversarie attualmente nella metà bassa della classifica: 14 su 29, il 48%. Gara da ex per Caputo, che con il Sassuolo ha segnato 32 dei suoi 54 gol in Serie A. La Samp è una delle vittime preferite di Berardi, che contro i blucerchiati ha segnato 8 gol in 11 sfide: ha fatto meglio solo contro Milan (10) e Lazio (9).

Venezia-Napoli, domenica 6 febbraio, ore 15

approfondimento

Icardi, Balo &Co, gli ex Serie A sparsi nel mondo

Il Napoli è rimasto imbattuto in tutte le ultime sette gare di Serie A contro il Venezia (4V, 3N), sei di queste sfide sono state però giocate tra il 1946 e il 1967; l’ultimo successo dei veneti nella competizione contro i campani risale al 1942. Il Napoli ha ottenuto un solo successo in 11 trasferte tra Serie A e B contro il Venezia (6N, 4P). Dopo un filotto di nove gare di campionato in cui il Napoli avevano ottenuto solo due successi (3N, 4P), gli azzurri hanno vinto tutte le ultime tre partite in Serie A. Napoli (384) e Venezia (201) sono rispettivamente le squadre con più e meno conclusioni effettuate in questa Serie A.

Udinese-Torino, domenica 6 febbraio, ore 18

Il Torino è rimasto imbattuto in 10 delle ultime 12 gare di Serie A contro l’Udinese (7V, 3N) e ha trovato il successo in ciascuna delle due sfide più recenti contro i friulani. L’Udinese ha vinto solo una delle sei ultime partite casalinghe contro il Torino in Serie A (2N, 3P): 1-0 nell’ottobre 2019, firmato da Stefano Okaka. L’Udinese è rimasta imbattuta in sei delle ultime 10 gare di campionato contro avversarie con più punti in classifica a inizio giornata (1V, 5N), tuttavia ha perso le due più recenti, rispettivamente contro Atalanta e Juventus. Per la seconda volta nell’era dei tre punti a vittoria (dal 1994/95), l’Udinese ha pareggiato ben nove delle prime 22 gare stagionali di Serie A (5V, 8P – incluso il successo a tavolino contro la Salernitana), dopo il campionato 2012/13, terminato in quinta posizione.

Juventus-Verona, domenica 6 febbraio, ore 20.45

Il Verona è rimasto imbattuto nelle ultime quattro sfide di Serie A contro la Juventus (2V, 2N) e potrebbe diventare la prima squadra dalla Sampdoria nel 2013 a non perdere per cinque incontri di fila contro i bianconeri nella competizione. La Juventus è rimasta imbattuta in tutte le 30 partite interne di Serie A contro il Verona (25V, 5N): nella storia del massimo campionato nessuna squadra ha mai disputato più partite casalinghe senza mai perdere contro una singola avversaria. Dopo lo 0-0 contro il Milan nell'ultimo turno, la Juventus potrebbe mancare l'appuntamento con il gol in due partite di fila di Serie A per la prima volta dal novembre 2012 (v Lazio e Milan) - inoltre i bianconeri non realizzavano meno di 35 gol dopo 23 partite stagionali (34 attualmente) nel torneo dal 1999/2000 (33 in quell’occasione). Nessuna squadra ha ottenuto più punti di Juventus e Verona (sette per entrambe) grazie a gol segnati nell'ultimo quarto d'ora di partita in questo campionato – negli ultimi 15 minuti di gioco tuttavia i gialloblu hanno subito 15 reti, più di qualsiasi altra formazione e il triplo dei bianconeri.

Salernitana-Spezia, lunedì 7 febbraio, ore 20.45 (Su Sky Sport)

Lo Spezia ha vinto tutte le ultime quattro gare di campionato contro la Salernitana (tra Serie A e B), dopo che aveva ottenuto appena un successo nelle precedenti cinque (1N, 3P). La Salernitana (quattro punti) è la sesta squadra che ha ottenuto meno di cinque punti nelle prime 10 gare casalinghe in una stagione di Serie A nell’era dei tre punti a vittoria (l’ultima è stata il Benevento nel 2017/18) – in caso di sconfitta contro lo Spezia eguaglierebbe il peggior rendimento in assoluto allo stesso punto della competizione (considerando tre punti da sempre): il Palermo e il Pescara nel 2016/17 (quattro). Salernitana e Spezia sono le due squadre che hanno segnato meno gol di testa in questa Serie A (uno entrambe) – queste sono anche le due formazioni che hanno la peggior percentuale realizzativa con questo fondamentale: 2% per i campani, 4% per i liguri.