Dybala, niente Fiorentina. La sua prossima partita la giocherà... a San Siro

Juventus
Paolo Aghemo

Paolo Aghemo

L'attaccante argentino ha preferito chiudere allo Stadum, la prossima partita che giocherà sarà... a San Siro. Pronto per essere convocato per la sfida contro la Fiorentina McKennie, che ha bruciato i tempi dopo la frattura del secondo e del terzo metatarso del piede sinistro

JUVE, IL PUNTO SUL MERCATO

Non ci sarà un'altra partita con la maglia della Juventus per Paulo Dybala. L'ultima volta con le lacrime di addio davanti ai tifosi dello Stadium che lo hanno osannato è stata contro la Lazio. La stessa avversaria da cui era iniziata un'avventura lunga 7 anni nella sfida di Supercoppa nell'agosto di 2015. Un esordio con gol e trofeo. Non ci sarà un'altra partita perché Dybala a Firenze non giocherà, ha voluto chiudere la storia con la Juve in casa, in quello che è stato il suo stadio. Così, niente ultima trasferta. Vlahovic in attacco avrà come partner il solo Morata.

Paulo al match di Eto'o

FOTO-VIDEO

Dybala saluta i tifosi: "Per sempre nel mio cuore"

Milano chiama, Dybala risponde. Ma il mercato per ora non c'entra. Certo, l'Inter continua a tenere sotto controllo la situazione e si tiene pronta ma nessuna offerta è stata presentata al giocatore. In ogni caso la prossima partita Paulo la giocherà a San Siro, dove ha garantito la sua presenza per la nobile causa dell'evento organizzato da Samuel Eto'o che ha selezionato un gruppo di superstar del calcio per l'Integration Heroes Match, un incontro di beneficenza che nasce con lo scopo di rilanciare l’impegno contro ogni forma di discriminazione. L’ex fuoriclasse di Barcellona e Inter e attuale Presidente della Federcalcio Camerunense, sarà l’ambassador ufficiale di uno dei primi incontri al mondo organizzati con lo specifico intento di promuovere l'inclusività e la multiculturalità, sostenuto anche dalla Lega Serie A, da sempre attiva nella promozione dei valori cardine alla base dell’iniziativa. La partita sarà trasmessa su Sky Sport Calcio e TV8.

McKennie is back

FOTO-VIDEO

Dybala piange a dirotto: ultimo saluto alla Juve

A Firenze si rivedrà invece McKennie. L'americano è tornato a lavorare in gruppo e a tre mesi dall'infortunio al piede sinistro è pronto ad essere convocato. Un lavoro di recupero che ha bruciato i tempi, tanto è vero che Allegri nelle prima settimana dall'infortunio subito a Vila-real il 22 febbraio aveva parlato di stagione finita, come per Chiesa e Kaio Jorge. Invece, con spirito di sacrificio e il supporto dello staff medico bianconero McKennie è riuscito a mettersi alle spalle la frattura del secondo e del terzo metatarso del piede sinistro. Ovviamente andrà al massimo in panchina, ma tornare a respirare l'aria del campo da vicino è già un successo.