Maldini: "Elliott irrispettoso con me e Massara: nessuno ci ha chiamato per il contratto"

milan
©Getty

Il responsabile dell'area tecnica rossonera alla Gazzetta dello Sport: "Lo scudetto è stato un capolavoro. È la vittoria delle idee, della volontà e dello spirito di gruppo". Sul futuro societario: "Io e Massara siamo in scadenza e non siamo stati ancora chiamati". Poi sul futuro del Milan: "Con due, tre big possiamo competere per qualcosa di più grande. Origi? Trattativa ben indirizzata"

"Mi piace essere una sorta di garanzia per il tifoso milanista. Io non sono la persona giusta per fare un progetto che non ha un'idea vincente". Il Milan ha conquistato lo scudetto - il 19º della storia rossonera - anche grazie a Paolo Maldini e alle decisioni prese. Il responsabile dell'area tecnica rossonera ha rilasciato una lunga intervista. "La realtà è che la proprietà non si è mai seduta al tavolo e questa cosa non va bene. Io e Massara siamo in scadenza e non abbiamo rinnovato - racconta a La Gazzetta dello Sport - Per il percorso fatto e la vicenda Rangnick trovo poco rispettoso che l'amministratore delegato (Ivan Gazidis, ndr) ed Elliott non si siano neppure seduti a parlare, dico solo a parlare. Perché loro potrebbero dirci 'Il vostro lavoro non è stato abbastanza buono per continuare' o può essere che io dica 'La vostra strategia non mi piace'". Poi sulla vittoria del campionato: "Un capolavoro. È la vittoria delle idee, della volontà e dello spirito di gruppo. Siamo rimasti due anni al vertice riuscendo a fare qualcosa di super contro le previsioni. E non è banale il fatto che negli ultimi 20 anni il Milan di scudetti ne avesse vinti solo due. Ecco perché ci dà tanto orgoglio".

"A ora non abbiamo disponibilità economica per il salto di qualità"

leggi anche

Cessione Milan, Investcorp si ritira ufficialmente

Anche il futuro societario è un tema caldo in casa Milan. Dopo il ritiro di Investcorp, rimane in corsa il fondo RedBird. "Da mesi ci siamo mossi sul mercato ma in questo momento non abbiamo disponibilità economica per questo salto di qualità anche perché siamo in fase di passaggio - ha aggiunto il responsabile dell'area tecnica rossonera - Il Milan con una visione strategica di alto livello può andare a competere il prossimo anno con le più grandi. Se invece si scegliesse una visione di mantenimento, senza investimenti, senza un'idea da Milan rimarremmo nel limbo tra le migliori sei o sette squadre in Italia per tentare di rivincere lo scudetto e qualificarci per la Champions. Per questo è il momento che la proprietà, Elliott o quella che potrebbe arrivare, chiuda il triennio e capisca che strategia vuole per il futuro. Con due o tre acquisti importanti e il consolidamento dei giocatori che abbiamo possiamo competere per qualcosa di più grande in Champions League".

"Ibrahimovic? Troveremo un accordo. Leao migliorerà ancora"

leggi anche

Rafael Leao è la vera stella di questo Milan

Oltre al proprio futuro, Paolo Maldini si è anche soffermato su quello di Zlatan Ibrahimovic - intervento riuscito al ginocchio sinistro - che ha il contratto in scadenza il 30 giugno: "Ci siamo dati appuntamento tra una quindicina di giorni. Non vedo problemi nel trovare un accordo. Giocando così poco non è certamente a suo agio. Vedremo cosa succederà nelle prossime due settimane. Tutto sarà fatto per il suo bene e del Milan. Da ciò che ho capito la sua intenzione è quella di andare avanti". Trascinatore in campo, invece, Rafael Leao. Il portoghese è incedibile per il Milan: "È un diamante ancora grezzo, che da un anno all’altro ha avuto grandi miglioramenti. Abbiamo messo subito una clausola da 150 milioni perché io, Boban e Massara credevamo in lui. Potenzialmente è sempre stato un campione. Doveva fare un percorso che peraltro ancora non è finito. È chiaro che se in futuro il Milan non sarà a livello di Leao o Leao non sarà a livello del Milan le cose potranno cambiare. Ma in questo momento la crescita è esponenziale per il club e per lui".