Serie B, calendario e orari 21^ giornata: Palermo re d'inverno?

Serie B

Archiviato l'anticipo a Parma, la 21^ giornata della Serie B prosegue alle 20.30 con il Palermo capolista opposto all'ex Colantuono. Frosinone di scena a Foggia, Empoli e Bari rischiano in trasferta. Inzaghi affronta Zeman, esami playoff per Cremonese e Cittadella. Punti pesanti da Chiavari a Brescia fino ad Avellino

SERIE B, RISULTATI E CLASSIFICA

Nemmeno il tempo di smaltire le feste che è già tempo di Serie B, campionato atteso dagli ultimi 90’ del girone d’andata prima della sosta invernale. Si ripartirà dal prossimo 20 gennaio, data che avrà già mescolato gradi ed equilibri complice l’avvio della finestra di mercato. Gerarchie che dopo 21 turni premiano piuttosto il Palermo, capolista a caccia del titolo d’inverno nell’edizione più imprevedibile degli ultimi anni: un traguardo simbolico, certo, tuttavia negli ultimi 13 anni solo il Mantova (2005/06) non ha guadagnato la A dopo il primato al giro di boa. Sorprese e spettacolo in questa edizione con 608 gol accumulati stracciando ogni confronto con i tornei precedenti. Basti osservare i risultati di settimana scorsa: un solo 0-0 (quello tra Bari e Parma) e ben due 4-3, risultato mai banale in Italia e archiviato dalla coppia Frosinone-Ternana. A riprova delle incognite registrate su ogni campo c’è il dato relativo ai pareggi, addirittura 18 a referto nelle ultime 3 giornate di campionato. Ecco spiegato il traffico dalla vetta alla coda della classifica, ormai una prassi in stagione. Vietato escludere novità nella 21^ giornata targata Serie B dopo l’anticipo a Parma: diamo quindi uno sguardo all’agenda tra incontri, numeri e curiosità.

PALERMO-SALERNITANA (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 1 HD)

A caccia dello scettro d’inverno, titolo simbolico eppure significativo nel campionato votato all’equilibrio, il Palermo in serie utile da 5 turni riparte dall’1-1 di Cesena. Un pareggio che ha ribadito l’eccellenza rosanero in chiave esterna (18 punti e nessun ko) anticipando l’impegno di Tedino al Barbera contro la Salernitana. Pesante il tonfo all’Arechi targato Foggia, stop casalingo inedito in stagione per i granata nonché il primo passo falso dell’era Colantuono, allenatore che pretende il riscatto contro i siciliani guidati tra il 2007 e il 2008. Avversarie che curiosamente condividono la perfetta ripartizione dei punti tra casa e trasferta, tuttavia la classifica recita un divario di 10 lunghezze.

FOGGIA-FROSINONE (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 2 HD)

Chi minaccia la leadership invernale del Palermo è la squadra di Longo, imbattuta da 12 partite e in ritardo di 2 punti dalla capolista. Altisonante ma non privo di macchie il 4-3 rifilato all’Entella, successo che quantomeno ha alimentato un attacco da 35 gol (solo l’Empoli ha fatto meglio) nel segno della coppia Ciano-Ciofani, 8 centri a testa. Attenzione all’ostacolo Foggia, formazione risorta a Salerno ma vincolata dalla peggiore difesa del campionato (39 reti al passivo come il Cesena). Se il Frosinone non vince in trasferta da oltre tre mesi, i pugliesi di Stroppa viaggiano meglio lontano dallo Zaccheria con 14 punti rispetto agli 8 interni ovvero il bottino casalingo più esiguo.

CARPI-BARI (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 8 HD)

Ai piani alti della classifica c’è anche il Bari di Fabio Grosso, reduce dallo 0-0 al San Nicola contro il Parma per un risultato andato in archivio solo 3 volte in stagione. Rimasto a secco Galano, 13 centri personali nella migliore annata di sempre, bomber pugliese atteso dall’esame Carpi al Cabassi. Poche reti all’attivo per gli emiliani, solo 18 come l’Ascoli con 7 marcatori andati a segno, tuttavia la solidità del gruppo mantiene vivo l’obiettivo playoff distante una lunghezza. Gara speciale per Calabro, allenatore leccese opposto al Bari mai davvero convincente in trasferta. Assente lo squalificato Poli a differenza di Verna, mediano che ha propiziato 7 punti per la causa biancorossa.

PERUGIA-EMPOLI (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 3 HD)

Solo un punto all’esordio in panchina per Andreazzoli, chiamato a spingere la macchina da gol della Serie B attraverso la premiata ditta Caputo-Donnarumma (23 reti in due) e per ultimo lo sloveno Zajc, votato ai subentri durante la gestione di Vivarini. Toscani in serie utile da 6 turni prima della complicata trasferta al Curi, impianto del Perugia fresco del pareggio imposto al Novara. Ennesima prova d’orgoglio a referto per gli umbri di Breda, allenatore che ha restituito stabilità alla squadra dopo la crisi dell’era Giunti. Certo è che il margine di 2 lunghezze sui playout pretende una vittoria che manca ormai da 4 partite.

PESCARA-VENEZIA (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 4 HD)

Obiettivo tre punti all’Adriatico, risultato che latita addirittura da 6 gare in casa Venezia. Abbonato ai pareggi nelle ultime 4 uscite e meno brillante da un mese a questa parte, Inzaghi staziona in orbita playoff pur perdendo quota rispetto alle concorrenti. Confronto interessante tra l’ottima difesa ospite (18 gol concessi) e l’attacco di Zeman, 32 reti delle quali 12 archiviate da Pettinari. Un turno di squalifica per Carraro contro i due rimediati da Falzerano, valore aggiunto per i veneti che tuttavia volano lontano dalla Laguna (15 punti) con un solo ko all’attivo a Cittadella. Ecco quindi che l’equilibrio è garantito a Pescara.

CREMONESE-CESENA (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 5 HD)

A quota 29 punti come il Venezia figura l’altra neopromossa Cremonese reduce proprio dall’1-1 al Penzo, pareggio d’attualità per i grigiorossi che ne hanno collezionati 5 in 6 turni d’imbattibilità. Gruppo pragmatico quello allenato da Tesser, decisamente più quadrato del Cesena dalla parabola ascendente: 19 punti conquistati in 13 partite dall’avvento di Castori per la causa romagnola riemersa dalla zona che scotta. Intervallo proficuo anche per il 21enne guineano Jallow, 9 gol personali ritoccati contro il Palermo. Solo i rosanero hanno espugnato lo Zini in stagione mentre l’unico blitz del Cesena è andato in scena a Perugia due mesi fa. Squalificato Arini.

PRO VERCELLI-CITTADELLA (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 9 HD)

Alle porte dei playoff troviamo anche il Cittadella, squadra dallo smalto perduto complice una continuità di risultati ancora sfuggente per la banda Venturato. Grave lo stop casalingo contro il Carpi, tuttavia in formato esterno i granata hanno già punito Empoli, Pescara e soprattutto Palermo. Non ci sarà lo squalificato Schenetti sul campo della Pro Vercelli, schiantata da Montalto nel battesimo del nuovo allenatore Atzori. Piemontesi inchiodati al penultimo posto e dal pessimo trend recente (2 punti in 6 incontri). Vietato sbagliare al Piola ad un passo dal giro di boa, lo pretende una classifica allarmante.

VIRTUS ENTELLA-NOVARA (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 10 HD)

Una graduatoria ristretta anche nelle retrovie propone scontri diretti dai punti pesanti come a Chiavari, impianto dell’Entella al tappeto da 2 turni ovvero i primi ko dal ritorno di Aglietti. Allenatore che affronterà il Novara, avversaria guidata tra il 2012 e il 2014 in due stagioni agli antipodi (semifinali playoff e retrocessione). Operazione aggancio per i liguri ma attenzione alla verve in trasferta della formazione di Corini, 15 punti conquistati contro i 9 racimolati al Piola. Vittoria che manca da un mese agli azzurri privi di capitan Casarini per squalifica.

BRESCIA-ASCOLI (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 6 HD)

Duello salvezza al Rigamonti e un passato da ex anche per Cosmi, allenatore bresciano dalla promozione sfiorata nel 2008. Il presente lo vede piuttosto ad Ascoli, fanalino di coda che dal suo avvento ha raccolto 3 pareggi in altrettante gare: piccoli segnali di ripresa per un gruppo privo dello sfortunato Favilli e lontano 10 turni dall’ultima gioia. A rilento anche il Brescia di Marino: non è un caso che si affrontino due attacchi da 37 gol complessivi, i peggiori nel torneo insieme al Carpi. Pesante la mano del giudice sportivo: fuori dai giochi Somma e Cancellotti, squalificati come Padella, Mogos e Gigliotti tra le fila dei marchigiani. Emergenza in difesa per Cosmi a caccia della svolta.

AVELLINO-TERNANA (giovedì ore 20.30, diretta su Sky Calcio 7 HD)

Chiude il programma dell’ultima giornata d’andata l’incrocio al Partenio, teatro di un altro scontro delicato nella parte inferiore della classifica. L’ultima vittoria in casa Avellino manca da 10 partite (1-0 alla Pro Vercelli), digiuno che mina la serenità di Novellino inchiodato alla soglia playout. Solo un punto in meno per la Ternana che viceversa ha ritrovato il successo dopo 10 turni da dimenticare: merito di Adriano Montalto, autore del poker alla Pro Vercelli e mai così prolifico in carriera (11 gol). A lui si affida Pochesci, privo dello squalificato Carretta e mai produttivo in trasferta: 5 i punti esterni raccolti dagli umbri, rendimento peggiore di questa Serie B.

I più letti